Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità

Boom di accoltellamenti in strada, Johnson vuole dare più poteri alla polizia. Che però protesta

Il piano anti-crimine del governo britannico non piace ad agenti e difensori dei diritti umani. Il caso Manchester, dove i neri hanno oltre 5 volte più probabilità di essere fermati rispetto ai bianchi

Fermare la violenza con le perquisizioni in strada. Questa è la linea scelta dal governo britannico guidato da Boris Johnson, convinto che dare maggiori poteri alla polizia sia la strada giusta per evitare gli accoltellamenti, diventati una vera e propria emergenza nazionale. 

Nel 2019, i crimini con arma da taglio hanno raggiunto il record di 45.627 casi solo in Inghilterra e Galles, in crescita del 49% rispetto al 2011. L’anno della pandemia ha fatto calare le aggressioni perpetrate con coltelli o lame di un modesto 8% e i numeri del 2021 sono tutt’altro che incoraggianti. Motivi che hanno convinto il governo di Londra a reagire, ma in un modo ritenuto sbagliato dall’opposizione laburista, dalle ong per i diritti civili e perfino dalle associazioni sindacali che rappresentano le forze dell’ordine. 

Il piano di Kit Malthouse, ministro con delega al contrasto della criminalità, si basa su un ampliamento dei poteri di fermo e perquisizione nelle mani delle forze dell’ordine che potranno bloccare per strada chiunque per verificare se porta con sé un’arma. Basta che l’agente abbia “ragionevoli motivi” per pensare che la persona possa essere coinvolta in un crimine per fermare l’individuo e perquisirlo. Un sistema in parte già introdotto in alcuni centri urbani e finito sotto accusa perché incoraggerebbe la profilazione razziale, ovvero l’intervento della polizia sulla base del colore della pelle dell’individuo che si trova in strada. 

Un nuovo rapporto della polizia di Manchester ha rilevato che nell’area vasta della città i neri hanno 5,3 probabilità in più di essere fermati dalla polizia rispetto ai bianchi. “Nonostante ciò - scrive il Guardian - le persone di colore perquisite avevano solo marginalmente maggiori probabilità di essere sorprese con addosso qualcosa di illegale”. Infatti, il 27,5% delle perquisizioni su persone di colore hanno portato ad un arresto o a qualsiasi altra sanzione, a fronte di un 25,9% dei bianchi fermati che sono stati poi accompagnati in caserma o sanzionati sul posto.

Oltre al timore delle discriminazioni razziali, portate avanti soprattutto dalle associazioni in difesa delle minoranze nel Paese, il Partito laburista attacca il governo conservatore di Johnson per i recenti tagli e per lo stop agli aumenti salariali che hanno provocato malcontento tra gli agenti, che con le nuove norme dovrebbero assumersi anche maggiori responsabilità. I poliziotti di quartiere “sono stati decimati sotto il governo dei conservatori”, è la critica della sinistra inglese. Il responsabile dei laburisti per gli Affari interni (il cosiddetto ministro ombra), Nick Thomas-Symonds, ha accusato il governo di essere “troppo molle nei confronti del crimine”. Un'accusa che, fa notare la Bbc, tradizionalmente viene da destra e che evidenzia come il crimine stia spaventando l’elettorato tradizionalmente più vicino ai conservatori, oggi in cerca di una parte politica più vicina ai problemi delle comunità. 

Le critiche al governo piovute anche da parte delle forze dell’ordine evidenziano le difficoltà di Johnson sul dossier della lotta alla violenza in strada. Di Priti Patel, segretaria di Stato agli Interni, e di questo governo “non ci si può fidare”, hanno recentemente messo nero su bianco i 130.000 agenti iscritti alla Federazione di polizia di Inghilterra e Galles. Il duro attacco nei confronti di Downing Street è arrivato dopo che l’esecutivo ha confermato che gli agenti pagati a partire da 24.000 sterline l’anno, circa 28.000 euro, subiranno un congelamento degli stipendi nel biennio 2021-2022. Una notizia che è arrivata dopo una lunga serie di promesse elettorali alle forze dell’ordine (dall’annuncio di nuove assunzioni agli aumenti di stipendio) e che genera ora malumori ancora più forti tra gli agenti, ai quali verrà chiesto di fare di più per combattere il crimine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di accoltellamenti in strada, Johnson vuole dare più poteri alla polizia. Che però protesta

Today è in caricamento