Il marchio “Made in Italy” è secondo nel mondo per popolarità

Prima la Germania, ultima la Cina. YouGov stila la classifica di apprezzamento dei consumatori rispetto all’indicazione di provenienza dei prodotti. Francesi e inglesi sul terzo gradino del podio, alle spalle del Belpaese

Quando si tratta di popolarità dei prodotti, i marchi europei non hanno pari al mondo. È quando emerge da un sondaggio condotto dall'istituto demoscopico YouGov e dall'Università di Cambridge sulle preferenze dei consumatori rispetto al “Made in”, ovvero l’indicazione del Paese d’origine del prodotto in vendita. Ben cinque delle prime otto posizioni sono occupate dalle produzioni del Vecchio Continente, leader mondiali di qualità e affidabilità.

I primi in classifica

Gli articoli con marchio “Made in Italy” sono secondi solo a quelli tedeschi per popolarità, che regala ai prodotti tricolore un valore aggiunto di +38 punti. Primeggia il “Made in Germany” con +45, mentre Francia e Regno Unito arrivano terzi a pari merito con +34 punti. 

Fuori dall’Europa

Per trovare la prima nazione qualificata fuori dall’Europa bisogna scendere in quarta posizione, con il Giappone e il Canada appaiati a +33 punti. Segue il “Made in the Usa” a +29. 

Ultima la Cina

Ultimo in classifica il “Made in China” a -29 punti. Meno del 50% degli stessi consumatori cinesi comprano più volentieri un prodotto che arriva dal loro Paese contro l’80% degli italiani che assegnano un valore positivo all’etichetta “Made in Italy”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

Torna su
EuropaToday è in caricamento