“In Italia l'immigrazione è un'emergenza sociale”, Tajani avverte l'Ue

Il presidente del Parlamento europeo ai leader europei: “Senza una strategia comune sull'immigrazione continueremo a gonfiare le vele populiste”

“Senza una strategia comune europea sull'immigrazione continueremo a gonfiare le vele populiste”. È l'avvertimento lanciato da Antonio Tajani nel suo intervento al Consiglio europeo di oggi a Bruxelles. “Ho sottolineato nei colloqui con Angela Merkel ed Emmanuel Macron”, a margine del Summit che “in Italia c'è un allarme sociale per quanto riguarda la questione immigrazione”, ha affermato Tajani in conferenza stampa, “e quindi l'Europa non può non far ascoltare la sua voce attraverso scelte concrete che devono riguardare tutta l'Europa”, ma con la consapevolezza che “Italia è Paese di frontiera e insieme alla Grecia e alla Germania, per un altro verso, è tra gli Stati che più soffre per questione immigrazione”, e questo “non può essere sottovalutato”.

Il problema, ha affermato il presidente, deve essere affrontato alla base, per eliminare le cause prime del fenomeno migratorio. “Ho detto che bisogna guardare alla situazione in Africa, come sarà il continente e quanti saranno gli africani tra qualche anno”, e in questo senso “forte anche del sostegno del Parlamento ho chiesto al Consiglio che si avvi un piano Marshall per l'Africa, una strategia che permetta agli africani di poter per risolvere i loro problemi lì”.

Tajani ha anche “chiesto di risolvere la questione della riforma del diritto di asilo” e sul tema ha detto di aspettarsi che “il Consiglio faccia il suo dovere e lo può fare anche senza aspettare di raggiungere l'unanimità”, che sarà difficile da raggiungere ma “votando a maggioranza qualificata”, perché “si può e si deve risolvere la questione”, e farlo “sarebbe un segnale importante che non farebbero sentire più solo Italia, Grecia e Germania al centro dell'attenzione in quanto luogo dove devono andare tutti gli immigrati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Dopo il confinamento la Francia vede la fine del tunnel. In Spagna a gennaio partono le vaccinazioni

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento