menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

I droni decollano in Europa: regole comuni in tutta la Ue

Targhe, strumenti tecnici e sicurezza, il Parlamento Ue ha approvato oggi la prima normativa comunitaria per i droni di uso civile. Obiettivo: facilitare la vita a produttori e distributori e proteggere l'incolumità e la privacy dei cittadini

Numero di matricola, esigenze tecniche specifiche e difesa dell'incolumità dei cittadini, come della loro privacy. Il Parlamento Ue ha approvato oggi le prime regole comuni per i droni di uso civile, un mercato in grande crescita nel Vecchio continente come in tutto il pianeta. La normativa approvata oggi, figlia dell'accordo raggiunto a fine novembre con igli Stati membri, riguarda i droni di peso inferiore ai 150 kg, ossia la grandissima maggioranza di quelli in commercio, e ha l'obiettivo di dettare le prime norme comuni in tutta la Ue, in modo da facilitare il lavoro a fabbricanti, distributori e venditori, e di garantire la sicurezza per consumatori e cittadini. 

Specifiche tecniche uguali per tutti

Nel quadro della nuova normativa comunitaria, un ruolo centrale viene assegnato alla Commissione europea, incaricata di definire le esigenze tecniche specifiche. Tra queste, indicare quali droni dovranno avere la funzione di limitazione altimetrica, i meccanismi per evitare le collisioni, lo stabilizzatore in volo o l'atterraggio automatico. Agli Stati membri spetterà, invece, creare un sistema di registrazione e di identificazione individuale, una sorta di targa, per quei droni che possono creare dei danni significativi alle persone o che possono presentare un rischio di violazione della privacy o una minaccia per l'ambiente.

Un mercato che decolla

Secondo i dati della Commissione Ue, i droni civili potranno arrivare a rappresentare da qui al 2050 il 10% del mercato dell'aviazione civile della Ue con un impatto positivo sull'occupazione stimato in 150 mila nuovi posti di lavoro e un giro di affari di 15 miliardi di euro all'anno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento