L'Ordine dei giornalisti un ostacolo alla professione: lo dice l'Europa

E' quanto emerge da un rapporto pubblicato dalla Commissione Ue e redatto dal Centro europeo per la libertà e il pluralismo dei media

Foto tratta da Odg.it

In tutta Europa i "rischi" connessi alle "influenze commerciali" o da parte dei proprietari delle testate giornalistiche sui contenuti sono "cresciuti" rispetto al 2017. E' una delle conclusioni cui giunge un rapporto diffuso oggi dalla Commissione europea, realizzato dal Centro europeo per la libertà e il pluralismo dei media, che non considera solo Paesi Ue, ma anche altri come l'Albania, il Regno Unito e la Turchia.

Nel rapporto 2020, "solo 5 Paesi", cioè Danimarca, Francia, Germania, Portogallo e Olanda, sono a rischio "basso" sotto questo profilo; altri 11 Paesi, tra cui l'Italia e la Spagna, sono a rischio "medio", mentre 14 sono a rischio "alto". Tra questi, oltre a diversi Paesi dell'Est e alla Turchia, figura anche la Svezia. Per quanto riguarda l'indice della protezione della libertà di espressione, 17 Paesi sono a rischio basso, 12 a rischio medio (tra questi c'è l'Italia) e uno, la Turchia, a rischio "alto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda l'indicatore dell'accesso alla professione giornalistica, 28 Paesi europei hanno rischio "basso", mentre l'Italia è l'unico ad avere un rischio "medio", dato che "il sistema dell'iscrizione all'Albo dei Giornalisti può essere interpretato, sulla base degli standard internazionali, come un ostacolo ingiustificato da superare per accedere alla professione". Nella maggior parte degli altri Paesi europei, l'accesso alla professione è libero, con un sistema di registrazione o autorizzazione, sulla base di criteri "oggettivi, proporzionati e non discriminatori". La Turchia ha un rischio "alto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento