Morbillo: in Germania vaccinare i figli sarà obbligatorio, multe per chi si rifiuta

Il provvedimento di legge al vaglio del Parlamento afferma che i bambini non coperti non potranno andare a scuola. Il ministro alla Salute: “Obiettivo è debellare la malattia”

Ci si vaccina, punto e basta. In Germania non si va troppo per il sottile, decidono le autorità. I genitori che rifiutano di immunizzare i loro bambini contro il morbillo vanno incontro a multe, anche salate. La sanzione può arrivare anche a 2.500 euro. Così prevede un disegno di legge federale presentato dal ministro della salute, Jens Spahn. L’obiettivo del governo è fare in modo che il provvedimento sia approvato dal Parlamento entro fine anno, così da averlo in vigore dall’1 marzo 2022.

Cosa prevede la legge

Una volta che la legge avrà ricevuto il via libera, la vaccinazione contro il morbillo sarà obbligatoria per tutti i bambini che frequentano asili e scuole. E l’immunizzazione dovrà essere prevista anche per insegnanti, educatori e personale medico di ospedali e ambulatori. Ci sono in circolazione oltre mezzo milione di cittadini non protetti, secondo le stime del ministero della salute. Circa 361mila bambini non vaccinati sarebbero già nelle aule di scuole e asili di Germania, a cui si aggiungono oltre 220mila adulti. In caso di mancata profilassi, scatteranno le multe. E non solo quelle. L’obbligo di vaccinazione, con multe annesse in caso di mancata osservazione delle regole, come detto scatterà da marzo 2022. Ma lo stop ai minori non vaccinati nelle scuole scatterà già il prossimo anno. Entro luglio 2020, i genitori che iscrivono i propri figli in asili o scuole dovrebbero fornire prove circa la loro vaccinazione o un certificato medico che assicura che non si può contrarre la malattia.

"Debellare la malattia"

A quanti possono denunciare la dittatura dei vaccinisti, il ministro Spahn risponde che “tutti i genitori dovrebbero sentirsi sicuri sapendo che i loro figli non possono essere infettati e messi in pericolo dal morbillo”. Al quotidiano Bild am Sonntag, il ministro Spahn, deciso a raccogliere l’eredità della cancelliera Angela Merkel, ha rivelato di voler “debellare il morbillo” dalla Germania una volta per tutte.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telecamere sul lavoro? "Non violano privacy, giusti licenziamenti"

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Orban nega il cibo ai migranti in transito, l'Ue: "Violati i diritti fondamentali"

  • Macron contro tutti, Francia unica contraria a Albania e Macedonia del Nord nell’Ue

  • Cresce il numero di studenti neri a Cambridge, è lo 'Stormzy effect'

  • La Polonia alle urne, la destra di Kaczynski verso una nuova vittoria

Torna su
EuropaToday è in caricamento