La Norvegia apre alla prescrizione dell'eroina per i tossicodipendenti

Il progetto sperimentale sarà rivolto solo ai casi più gravi, per provare a migliorare le condizioni di vita di chi non riesce a smettere. Il Paese ha la terza più alta percentuale di morti per overdose d'Europa

foto Ansa - EPA/CARSTEN REHDER

In Norvegia sarà possibile prescrivere eroina nei casi di tossicodipendenza più gravi. Il ministero per la Salute e gli affari sociali ha messo a punto un progetto sperimentale con l'intento di provare a porre fine all'alto numero di morti per overdose. Il Paese ha uno dei tassi di mortalità più alti, con 81 morti per overdose ogni milione di abitanti nel 2015, una percentuale inferiore solo a quella di Estonia (132 morti per milione di abitanti) e Svezia (88 morti per milione), secondo i dati l'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Speriamo che questo programma assicuri una soluzione che consentirà una migliore qualità della vita ad alcuni tossicodipendenti che sono oggi fuori dalla nostra portata e che i programmi attuali non aiutano abbastanza", ha scritto su Facebook il ministro della Salute, Bente Hoie. Il primo trattamento inizierà nel 2020 e secondo i primi calcoli dell'iniziativa potrebbero beneficiare fino a 400 persone. L'eroina nelle stanze del buco è già consentita in Paesi come Svizzera e Danimarca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento