rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Droga / Belgio

Ecstasy nei coniglietti di Pasqua al posto del cioccolato: sequestro in aeroporto

Nello stesso scalo la recente scoperta di cristalli di metanfetamina in una scatola di giochi per bambini

Tre insospettabili coniglietti pasquali di 'cioccolato' sono stati sequestrati all'aeroporto di Bruxelles. I dolci in realtà erano composti di Mdma, sostanza sintetica comunemente nota come ecstasy, e con tutta probabilità erano destinati alla trasformazione in pastiglie facili da spacciare. I coniglietti, dal peso totale di 1,8 chili, "sono stati scoperti in un pacco postale inviato da un indirizzo falso in Belgio verso un immobile privato in Australia", ha spigato Florence Angelici, portavoce della sezione finanze del Servizio pubblico federale belga.

La droga è stata rinvenuta grazie all'intervento di un agente doganale vicino alla pensione, Pol Meuleneire, che ha scoperto l'Mdma usata al posto del cioccolato utilizzando la spettroscopia Raman, una tecnica in grado di identificare le sostanze in base al loro contenuto chimico. Secondo quanto riporta la testata The Bulletin, il curioso sequestro di coniglietti non è altro che l'ultimo di una lunga serie di oggetti curiosi requisiti dalle autorità dell'aeroporto di Bruxelles perché contenenti sostanze illecite. 

La settimana scorsa nello scalo belga è stata trovata una 'schiscetta', o lunch box, del cartone animato Peppa Pig piena di ketamina. I funzionari della dogana di recente hanno anche rinvenuto un sacchetto di cristalli di metanfetamina all'interno di una scatola di Little Chemists, un gioco per bambini simile al "Piccolo chimico".

Lo stesso agente Meuleneire ha raccontato alla stampa belga come siano cambiati i tempi rispetto all'inizio della sua carriera, quando trovare 10 grammi di cannabis in una busta era motivo di eccitazione agli uffici doganali. 

Anversa è la capitale europea della cocaina

"Nel 2022 in aeroporto abbiamo sequestrato quasi sei tonnellate di droga", ha precisato Angelici. Le sostanze illecite "stanno circolando in tutto il mondo" a causa di "ordini online eseguiti sul dark web che permettono con pochi clic di riceverle a casa" tramite i canali illeciti. Attualmente il porto di Anversa è considerato tra i principali punti d'ingresso in Europa per la cocaina dall'America Latina e l'intero Belgio è ormai diventato un hub di distribuzione per le droghe sintetiche prodotte in Europa e spedite, spesso per posta, verso il resto del mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecstasy nei coniglietti di Pasqua al posto del cioccolato: sequestro in aeroporto

Today è in caricamento