rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Attualità Iran

Droni iraniani alla Russia per la guerra in Ucraina, l'Ue sanzionerà Teheran

Bruxelles afferma di avere "prove" che Mosca sta utilizzando materiale bellico fornito dal Paese islamico ha intenzione di punirlo con un ulteriore pacchetto colpirà cinque persone e tre entità

L'Unione Europea ha raccolto "prove" che i droni utilizzati dalla Russia di Vladimir Putin contro l'Ucraina sono stati forniti dall'Iran e sta per questo preparando sanzioni contro Teheran. "Ora che abbiamo raccolto prove sufficienti, stiamo lavorando a una risposta europea chiara, rapida e ferma", ha annunciato Nabila Massrali, portavoce del capo della diplomazia Ue Josep Borrell. I diplomatici dei Paesi membri sperano di concordare il nuovo pacchetto in tempo per il vertice dei capi di Stato e di governo di domani e dopodomani.

Come riporta Politico il nuovo ciclo di sanzioni dovrebbe colpire cinque individui e tre entità della nazione guidata dall'ayatollah Ali Khamenei e le nuove misure si aggiungerebbero a quelle già concordate lunedì contro la "polizia morale" iraniana per le brutali persecuzioni e uccisioni di cittadini che protestano contro il governo. Un alto funzionario ha dichiarato alla testata che il nuovo pacchetto è stato concepito come un "segnale forte" per Teheran, mentre un altro ha affermato che tali sanzioni individuali sono più veloci da attuare rispetto a quelle economiche, che richiederebbero un nuovo quadro giuridico e potrebbero avere uno scarso effetto aggiuntivo, considerando che l'Iran è già sottoposto a pesanti sanzioni economiche secondarie da parte degli Stati Uniti.

Gli aggiornamenti dal conflitto in diretta

Le sanzioni rappresenteranno un'altra significativa battuta d'arresto per i negoziati volti a ripristinare l'accordo sul nucleare iraniano, noto come Piano d'azione congiunto globale (Jcpoa), che ha eliminato molte sanzioni statunitensi su Teheran in cambio di limitazioni al suo programma nucleare, e che quest'estate sembrava ormai quasi cosa fatta.

È stata l'intelligence statunitense a denunciare che le autorità di Teheran avrebbero inviato personale militare in Crimea per addestrare l'esercito russo all'uso di droni di fabbricazione iraniana. Il 'New York Times' ha precisato che il personale iraniano è dispiegato lontano però dalle linee del fronte, e non è chiaro se i droni vengano pilotati direttamente dagli iraniani. In origine, la Russia aveva inviato il suo personale in Iran per l'addestramento. Ma siccome i problemi persistevano, l'Iran ha deciso di inviare i militari in Crimea.

Del coinvolgimento di addestratori iraniani in Crimea aveva parlato in un primo tempo il Daily Mirror, e la notizia era stata confermata ieri dalla Cnn, che citando fonti a conoscenza di notizie di intelligence parlava del dispiegamento di decine di addestratori iraniani incaricati di aiutare l'esercito russo. I droni sono del modello Shahed-136, utilizzato per gli attacchi aria-terra. I cosiddetti droni "kamikaze" trasportano una piccola testata e si schiantano contro i loro obiettivi, esplodendo all'impatto. Hanno una gittata di circa mille chilometri. Secondo il New York Times, gli iraniani hanno anche inviato alla Russia droni Mohajer-6, che possono trasportare missili e svolgere operazioni di ricognizione.

Continua a leggere su EuropaToday.it

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droni iraniani alla Russia per la guerra in Ucraina, l'Ue sanzionerà Teheran

Today è in caricamento