rotate-mobile
Domenica, 24 Settembre 2023
Lo scandalo / Francia

L’ex direttore del Louvre indagato per traffico di reperti archeologici

Jean-Luc Martinez ha lasciato l'incarico lo scorso agosto. Una stele dedicata al faraone Tutankhamon tra le opere finite al centro delle indagini

L'ex direttore del Louvre di Parigi, Jean-Luc Martinez, è stato accusato di "riciclaggio e complicità in frode organizzata" in un caso di traffico di antichità egiziane. Secondo gli inquirenti l’uomo sarebbe responsabile dell'acquisto illegale di opere d'arte saccheggiate dal Medio Oriente.

Il motivo del sospetto è l'acquisto nel 2016 di reperti archeologici egiziani da parte della filiale del Louvre di Abu Dhabi, riferisce LeMonde. Al centro dell'indagine c'è una stele di granito rosa alta 1,60 metri dedicata al faraone Tutankhamon esposta al Louvre di Abu Dhabi, acquistata dagli Emirati nel 2016 per 8 milioni di euro, insieme ad altre quattro opere egizie di dubbia provenienza. La stele, uno dei pezzi più importanti della sede di Abu Dhabi, è stata realizzata intorno al 1327 a.C. in Egitto.

Parzialmente ricoperto di geroglifici, il documento riguarda un decreto reale di Tutankhamon, assicurando la protezione di un certo Raya, sacerdote del tempio di Osiride ad Abydos (Egitto). Il prezzo totale di acquisto è stato di 15,2 milioni di euro. L’indagine è scattata nel 2018 perché vi erano dubbi sull'origine delle opere.

La segnalazione è partita da Marc Gabolde, professore dell'Università Paul-Valéry di Montpellier: "Le circostanze della partenza dall'Egitto di questo reperto, attraverso un capitano della marina mercantile tedesca di Brema negli anni '30, mi sembravano poco chiare", ha spiegato l'egittologo al quotidiano Le Canard Enchainé. Il sospetto del professore è che siano stati utilizzati certificati di autenticità contraffatti. 

Tuttavia, secondo il Dipartimento di Giustizia si tratterebbe in realtà di prodotti saccheggiati, non falsi. Le opere egiziane sarebbero state rubate durante la Primavera araba e poi vendute illegalmente. L'ex direttore del Louvre Martinez, che ha diretto il museo dal 2013 al 2021, è ora ufficialmente sospettato di "frode organizzata".

Si presume che fosse a conoscenza della frode e che abbia chiuso un occhio. Oggi lavora per il ministero degli Affari Esteri francese, come ambasciatore per la conservazione del patrimonio mondiale. Sono sospettati anche due importanti dipendenti del Louvre e altre tre persone, tra cui un mercante d'arte e un esperto di antichità. Quest'ultimo sarebbe anche coinvolto nella vendita di opere d'arte saccheggiate a un museo di New York nel 2017. Martinez ha negato tramite i suoi avvocati le accuse mosse contro di lui e si è detto convinto che la sua "buona fede" sarà riconosciuta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’ex direttore del Louvre indagato per traffico di reperti archeologici

Today è in caricamento