Coronavirus, l'Ue alza la voce sulle mascherine: "Stati condividano dispositivi"

Germania e Francia hanno eliminato il blocco all'export, ma permangono i problemi nel recuperare il materiale di protezione necessario. Bruxelles avvia bando per l'acquisto di ventilatori e kit per test

All'Italia servono per il prossimo mese 90 milioni di mascherine Fpp2 e Fpp3, i modelli più utili per proteggere il personale sanitario in prima linea contro l'epidemia di coronavirus. Almeno 19 milioni dovrebbero arrivare dall'estero, ma i camion con le scorte non sono mai partiti perché i Paesi in cui sono stati acquistati (dalla Russia alla India) hanno bloccato l'export o sono stati 'requisiti' da altri Paesi durante il transito. Tra coloro che stanno rallentando i rifornimenti all'Italia ci sarebbero anche degli Stati dell'Unione europea. Ecco perché la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, è stata costretta a tornare sulla questione delle forniture mediche, dopo che già negli scorsi giorni aveva puntato il dito contro la scarsa solidarietà tra Stati membri.

In un videomessaggio in inglese, francese e tedesco, von der Leyen ha invitato tutti i Paesi Ue a condividere i dispositivi medici di protezione contro il coronavirus all'interno del mercato unico europeo e a bloccare invece le esportazioni di tale materiale verso i Paesi extra-Ue. Inoltre, la presidente ha annunciato l'avvio immediato di appalti pubblici congiunti con gli Stati membri per l'approvvigionamento di kit di test e ventilatori polmonari. "La propagazione del coronavirus attraverso l'Unione europea - ha detto von der Leyen - rappresenta una vera sfida per i nostri sistemi sanitari. Dobbiamo proteggere il nostro personale sanitario, che è la nostra prima linea di difesa contro il coronavirus. Dobbiamo proteggerlo con maschere, guanti, ed equipaggiamenti di protezione". E' di ieri la notizia che Germania e Francia hanno aperto alla condivisione dei loro stock di dispositivi medici. Ma potrebbe non bastare.

La Commissione sta lavorando, ha spiegato, "su tre fronti: innanzitutto, lavoriamo con l'industria per aumentare la produzione; in secondo luogo, dobbiamo mantenere in Europa il materiale di protezione di cui abbiamo bisogno. Per questo, abbiamo adottato oggi un sistema di autorizzazione delle esportazioni per questi dispositivi. Ciò vuol dire - ha precisato - che le esportazioni fuori dall'Unione europea dovranno essere autorizzate dai governi dell'Ue; questo è necessario perché noi abbiamo bisogno di questi dispositivi per i nostri sistemi sanitari". In terzo luogo, ha continuato von der Leyen, "le proibizioni nazionali di vendita ad altri Stati membri dell'Unione europea sono nefaste. Nessun paese - ha sottolineato - può produrre da solo tutto quello di cui ha bisogno. Oggi è l'Italia che ha bisogno rapidamente di grandi quantità di questi dispositivi medicali. Ma tra qualche settimana saranno altri Paesi ad averne bisogno. Producendo di più, mantenendo questi prodotti in Europa, e condividendoli fra noi, potremo proteggere il nostro personale sanitario e i nostri pazienti e contenere la diffusione del virus; per questo ho proposto questa soluzione Europea oggi".

"D'altra parte - ha aggiunto la presidente della Commissione -, dobbiamo mantenere i flussi di merci attraverso l'Europa senza ostacoli. Non possiamo immaginare che, proprio nel momento in cui aumentiamo la produzione, le industrie manchino dei componenti di cui hanno bisogno. Migliaia di autisti di autobus di camion sono bloccati alle frontiere interne, creando nuovi rischi sanitari e bloccando le nostre catene di distribuzione. Se non agiamo adesso, i negozi avranno delle difficoltà di approvvigionamento dal resto del mercato unico. In questo momento di crisi è dunque estremamente importante mantenere il nostro mercato unico in funzione. In maniera generale - ha osservato la presidente della Commissione -, le misure nazionali non funzionano che se sono coordinate con gli Stati vicini, in particolare nelle regioni transfrontaliere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Von der Leyene ha anche annunciato la presentazione ai governi nazionali delle linee guida sulle misure alle frontiere nell'Unione europea. "La protezione della salute - ha sottolineato - non dovrebbe impedire ai prodotti e al personale di raggiungere pazienti, sistemi sanitari, fabbriche e negozi". "Per riuscire bisogna lavorare insieme e rapidamente a una risposta coordinata. Questa sfida lo esige", ha concluso la presidente della Commissione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda dice no all'obbligo della mascherina: "Inducono un falso senso di sicurezza"

  • Covid, Bruxelles verso il coprifuoco. E i giostrai protestano

  • "Telelavoro fino al 2021", la Svezia punta sullo smart working

  • "Giustizia per Chico Forti", FdI chiede all'Ue di attivarsi per l'italiano detenuto negli Usa da 20 anni

  • L'Olanda gli nega l'asilo, siriano 14enne si suicida

  • Bce: il turismo italiano il più colpito in Ue, crollo delle assunzioni del 77,9%

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento