Strasburgo dice sì a riforma copyright e sanzioni a Orban: doppio schiaffo al governo Salvini-Di Maio

Il Parlamento europeo ha approvato le nuove leggi sul diritto d'autore e la richiesta di togliere il diritto di voto in Ue all'Ungheria. Sconfitta per i 5 stelle e la Lega. Pd esulta. Ma adesso la palla passa agli Stati membri

Prima l'ok alla riforma del copyright, con la bocciatura degli emendamenti del M5s contro i cosiddetti “diritti connessi” o “link tax” per i detrattori. Poi, il sì alle sanzioni contro l'Ungheria per violazione delle norme sullo stato di diritto. Nel giro di pochi minuti, il Parlamento europeo ha trovato l'intesa su due testi  che hanno sollevato numerose polemiche, dentro e fuori l'Aula. Dando un doppio schiaffo al governo Salvini-Di Maio.

Copyright

Sono gli stessi esponenti del Movimento 5 stelle e della Lega ad ammettere la sconfitta. “Una pagina nera per la democrazia e la libertà dei cittadini”, dice l'eurodeputata M5s Isabella Adinolfi commentando l'ok alla riforma del copyright: “Il Parlamento europeo ha di fatto legalizzato la censura preventiva. Il testo approvato oggi dall'aula di Strasburgo contiene l'odiosa link tax e filtri ai contenuti pubblicati dagli utenti. È vergognoso. Ha vinto il partito del bavaglio”. 

Ungheria

Più o meno le stesse parole usate dal Carroccio per commentare il voto su Viktor Orban: “Le sanzioni contro l'Ungheria votate dal Parlamento europeo sono una pagina bruttissima per la democrazia e l'intera Europa”, dice l'eurodeputata Mara Bizzotto. Che se la prende con il Partito popolare europeo, di cui il leader ungherese è membro: “Che una parte consistente del Ppe si sia prestato a questo linciaggio politico contro uno dei suoi leader, è sotto gli occhi di tutti: spero che Orban, dopo questo affronto, molli il Ppe ed entri a far parte del nuovo blocco identitario e sovranista che stiamo costruendo in vista delle Europee del 2019”.

"Gli amici 5 stelle"

Ma Bizzotto attacca anche quelli che definisce “gli amici dei 5 stelle”: il voto di oggi “crea un precedente pericolosissimo. Dopo l’Ungheria di Orban e la Polonia di Kaczyński e Morawiecki, nei prossimi mesi la sinistra e la Ue metteranno nel mirino anche l’Italia, il nostro governo e il nostro leader Matteo Salvini. Non so se gli amici 5 stelle abbiano compreso questo rischio”.

Esulta il Pd

Soddisfazione invece tra i banchi del Pd su entrambi i fronti. Mentre Forza Italia, e il presidente del Parlamento Antonio Tajani, a caldo hanno preferito esprimere la loro soddisfazione per il voto sul copyright, sorvolando sulla questione spinosa di Orban: “La direttiva sul diritto d'autore è una vittoria per tutti i cittadini. Oggi il Parlamento europeo ha scelto di difendere la cultura e la creatività europea e italiana, mettendo fine al far-west digitale", ha scritto su Twitter Tajani. 

Esultano anche gli editori italiani: “Quella di oggi è una vittoria per la libertà, come espressione di un libero dibattito democratico e della creatività della persona. Questo è il diritto d'autore: rappresenta la libertà ed esprime l'identità europea", dice il presidente dell'Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi

Ora la palla agli Stati

Il voto del Parlamento europeo, comunque, non avrà effetti immediati. Tanto la riforma del copyright, quanto le sanzioni all'Ungheria dovranno essere discusse ed eventualmente votate dal Consiglio Ue, ossia dagli Stati membri. Il rischio di stravolgimenti e ribaltamenti è più che concreto. Resta comunque il dato politico, soprattutto in casa del Ppe. E anche nei rapporti di “amicizia”, per usare le parole di Bizzotto, tra Lega e M5s.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento