Congedo parentale per papà e genitori single, la Finlandia mantiene la promessa

Il Governo guidato da Sanna Marin aumenta l’indennità a oltre sei mesi e mezzo a testa per padri e madri. Bonus aggiuntivo in busta paga per le lavoratrici durante la gravidanza

Sono i papà i primi beneficiari delle politiche per la famiglia decise dal Governo famoso in tutto il mondo per la netta prevalenza di donne nei ruoli chiave. L’esecutivo guidato dalla socialdemocratica 34enne, Sanna Marin, e sostenuto da altre quattro formazioni politiche - capeggiate da altrettante donne - ha annunciato di aver aumentato l’indennità versata per congedo parentale fino a un totale di 14 mesi, equivalente a 164 giornate lavorative per genitore. Il Governo ha quindi mantenuto l'impegno preso dalla giovane premier, che aveva promesso passi nuovi sulla strada dell'uguaglianza di genere in Finlandia

La riforma 

A sorridere sono soprattutto gli uomini, che vedranno il proprio congedo parentale triplicare dagli attuali 2,2 mesi - utilizzabili fino al compimento dei due anni del bambino - ai futuri 6,6 mesi. Buone notizie anche per le mamme, che con il sistema vigente hanno diritto a una maternità di 4,2 mesi. L’aumento anche per loro a 6,6 mesi - pari a 164 giorni, considerando la settimana lavorativa di sei giorni - verrà infatti accompagnato a un assegno mensile aggiuntivo che le lavoratrici riceveranno durante il periodo di gravidanza. I genitori saranno inoltre autorizzati a ‘regalare’ all'altro genitore fino a 69 giorni delle loro giornate di congedo parentale. Enorme vantaggio per il genitore single, autorizzato a utilizzare per sé entrambe le indennità.

L'annuncio

Il ministro della Salute e degli affari sociali Aino-Kaisa Pekonen ha precisato che la decisione fa parte di “una radicale riforma delle prestazioni familiari” che era già iniziata, con l'obiettivo di rafforzare il rapporto dei genitori sin dall'inizio.

Trascorrere più tempo in famiglia

Il Governo spera anche di convincere babbi e mamme a trascorrere più tempo con i loro figli. In media, infatti, solo un genitore su quattro sfrutta il congedo parentale concesso da Helsinki. Nonostante la riforma dell’esecutivo Marin venga riconosciuta come ambiziosa, lo scettro del primato europeo del Paese più generoso in materia di sistema di congedo parentale rimane saldamente in mano alla Svezia, con 240 giorni a ciascun genitore dopo la nascita di un bambino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento