Il numero dei carcerati diminuisce in Europa, ma cresce in Italia

I dati del Consiglio d'Europa: resta il problema del sovraffollamento delle celle

Nessuno come l’Italia, o quasi. Quando si parla di carceri il sistema Paese non si distingue, o forse sì. Perché il dato nazionale salta agli occhi per l’elevata popolazione carceraria. Una storia vecchia, ma che non trova soluzione. Nel suo rapporto ‘Space’ il Consiglio d’Europa (organismo internazionale che nulla ha a che vedere con l’UE) certifica una volta di più il problema del sovraffollamento degli istituti di reclusione. Che vuol dire? Che ci sono più detenuti di quanti se ne potrebbe ospitare.

L’Italia vanta 115 detenuti ogni 100 posti disponibili. Peggio solo Macedonia del Nord (122,3), Romania (120,5) e Francia (116,3). Con dei ‘distinguo’, però: mentre il tasso di incarcerazione tra il 2106 e il 2018 in questi Paesi è diminuito o lievemente cresciuto (-9,7% in Macedonia del Nord, -16% in Romania, +0,9% in Francia), in Italia è sensibilmente aumentato (+7,5%). Il dato italiano è fortemente in controtendenza visto che, sottolinea il Consiglio d’Europa, “il tasso di incarcerazione in Europa è diminuito” in questi due anni.

Il tasso di detenzione misura il numero delle persone in carcere per ogni 100mila abitanti. In Europa, stando alle cifre del Consiglio d’Europa aggiornate al 31 gennaio 2018, l’indice risulta diminuito del 6,6% tra il 2016 e il 2018, passando da 109,7 a 102,5 detenuti per 100.000 abitanti. L’Italia, invece è passata da 89,3 a 96 detenuti per 100mila abitanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul sistema italiano pesano i tempi della giustizia. Uno dei motivi per cui le carceri italiane si riempiono e non si svuotano è che ci sono molte persone in attesa di primo giudizio o di una sentenza definitiva (il 34,5% contro una media europea del 22,4%). Un dato che ricorda un altro annoso problema tutto italiano, e su cui anche la Commissione europea chieda da anni di intervenire: riforma della giustizia e processi più rapidi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in Europa la mascherina obbligatoria torna di moda. E la Germania lancia l'allarme

  • L'Olanda dice no all'obbligo della mascherina: "Inducono un falso senso di sicurezza"

  • Covid, Bruxelles verso il coprifuoco. E i giostrai protestano

  • "Telelavoro fino al 2021", la Svezia punta sullo smart working

  • "Giustizia per Chico Forti", FdI chiede all'Ue di attivarsi per l'italiano detenuto negli Usa da 20 anni

  • Coronavirus, in Belgio 'bolla' di 5 persone e coprifuoco notturno: "Vogliamo evitare il lockdown totale"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento