rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
La sentenza / Bulgaria

La Bulgaria vieta il cambio di sesso sui documenti per i transgender

La Corte di cassazione di Sofia: "Rischia di legittimare i matrimoni omosessuali"

In Bulgaria le persone transessuali non potranno più cambiare il loro genere sui documenti, neanche in seguito all’operazione chirurgica. Lo ha stabilito una sentenza della Corte di cassazione di Sofia. 

Finora, la legge non prevedeva espressamente la possibilità di modificare il sesso sui documenti ufficiali emessi dall'amministrazione bulgara, ma non vi era neppure un divieto esplicito. Questo vuoto è stato interpretato da alcuni giudici come un via libera alla possibilità per le persone transgender di richiedere e ottenere il cambio di genere, purché approvato da un tribunale e sulla scorta di un intervento chirurgico. Questo spiraglio è stato adesso chiuso dalla Corte. 

La Bulgaria ha ricevuto negli anni diversi richiami da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo proprio per la mancanza di una direttiva chiara in materia. Due anni fa, la Corte costituzionale bulgara ha stabilito che il genere viene stabilito alla nascita e non può essere modificato nel tempo. Sulla base di questa sentenza, i giudici di cassazione hanno posto l’accento sul fatto che un passaggio così importante non riguarda solamente la persona in questione ma anche i suoi parenti, come i figli ad esempio. Ritengono per questo che autorizzandolo si rischia di dare legittimità a posteriori al matrimonio omosessuale o accettare che un figlio venga cresciuto da genitori dello stesso sesso: entrambe cose costituzionalmente inaccettabili. Per il diritto bulgaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Bulgaria vieta il cambio di sesso sui documenti per i transgender

Today è in caricamento