menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nell'Eurozona gli stipendi aumentano più del costo del lavoro. Ma non in Italia

Penisola in controtendenza. Sulle buste paga del nostro Paese pesa l'aumento di tasse e contributi

Il costo del lavoro in Italia aumenta più della media europea, ad un ritmo superiore di quello dei salari. Colpa di un aumento delle tasse e dei contributi, che gravano sui conti dei datori di lavoro, meno ‘generosi’ quando si tratta di definire la busta paga a fine mese a causa anche dei rincari. Il risultato, dunque, è che l’Italia è sempre meno un porto sicuro quando si parla di lavoro e del suo mercato. Sono i dati diffusi da Eurostat a mettere in evidenza le controtendenze tutte tricolori.

Se nell’eurozona il costo del lavoro orario a inizio 2019 risulta sostanzialmente stabile rispetto all’ultimo trimestre 2018 (2,4%, rispetto al 2,3%), in Italia la differenza è più marcata (2,6%). Quanto al livello retributivo, se nell’area euro i salari nei primi tre mesi del 2019 la voce di spesa ha registrato un +2,5%, in Italia la stessa voce si ferma a +1,9%. Se in Italia le buste paga aumentano meno che nel resto dei Paesi con la moneta unica, le spese per tasse contributi invece vedono un aumento pari al doppio della media dell’Europa a diciannove: 4,2% contro un generale 2,2%.

Un dato che mette in cattiva luce il sistema Italia. Nel resto dell’area euro il costo dei salari aumenta più del costo del lavoro (2,5% contro 2,4%), dato confermato anche nell’Ue nel suo complesso a Ventotto (2,7% contro 2,6%). Nella Penisola invece il raffronto è negativo, 1,9% contro 2,6%. Non una buona notizia per il lavoratori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento