La disoccupazione nella Zona euro all'8,9% a settembre, mai così bassa dal novembre 2008

In Italia il tasso di senza lavoro tra i giovani è tra i più alti in Europa (35,7%), fanno peggio del nostro Paese soltanto Grecia (42,8%) e Spagna (37,2%)

La disoccupazione nella Zona euro a settembre è scesa all'8,9%, rispetto al 9% registrato ad agosto, si tratta del tasso più basso dal novembre 2008, periodo antecedente allo scoppio della crisi. Nell'intera Unione le cose vanno meglio, con la disoccupazione al 7,5%, stabile rispetto ad agosto e in calo rispetto all'8,4% del settembre 2016. Lo rivelano i dati Eurostat che segnalano come i tassi di disoccupazione più bassi siano in Repubblica Ceca (2,7%), Germania (3,6%) e Malta (4,1%). Il tasso più alto è stato invece registrato in Grecia, (21% a giugno) e Spagna (16,7%). Rispetto a un anno fa il numero dei senza lavoro è diminuito in tutti gli Stati membri, tranne che in Finlandia, dove è rimasto stabile e in Lituania, dove è passato dal 7,6% al 7,7%. Il tasso di disoccupazione giovanile, a settembre è stato invece pari al 16,5% nei Paesi Ue a 28 e al 18,7% nei diciannove Stati con la moneta unica, in calo rispetto al 18,3% e al 20,4% di settembre 2016. Il tasso di disoccupazione giovanile più basso è stato registrato in Germania (6,4%), mentre il più alto in Grecia (42,8 a luglio), Spagna (37,2%) e Italia (35,7%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione in Italia

Nel nostro Paese a settembre la stima degli occupati è sostanzialmente stabile rispetto ad agosto, dopo la crescita osservata negli ultimi mesi. Secondo l'Istat il tasso di occupazione dei 15-64enni si attesta al 58,1% (-0,1 punti percentuali). Per l'istituto statistico italiano la stabilità dell'occupazione nell'ultimo mese è frutto di un aumento tra gli uomini e gli over 35 e di un equivalente calo tra le donne e i 15-34enni. Risulta in crescita il numero degli indipendenti, stabili i dipendenti a termine, in calo i permanenti. Nel periodo luglio-settembre si registra una crescita degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,5%, +120 mila) che interessa entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età ad eccezione dei 35-49enni. L'aumento si concentra quasi esclusivamente nell'occupazione a termine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • In Francia mascherine anche all'aperto, i medici: "Assurdo per chi fa jogging"

  • L'Olanda gli nega l'asilo, siriano 14enne si suicida

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

  • I medici tedeschi: "In Germania siamo già in una seconda ondata di coronavirus"

  • Le Figaro celebra Conte: "Negoziatore di talento, esce rafforzato dalla crisi del Covid"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento