Intelligenza artificiale, l'Ue nomina un gruppo di 52 esperti: ecco i 4 italiani

Andrea Renda, Francesca Rossi, Giuseppe Stefano Quintarelli e Luciano Floridi aiuteranno la Commissione a redigere delle linee guida etiche per il settore e a proporre una serie di raccomandazioni per il suo sviluppo

Stefano Quintarelli nella sala del Mappamondo durante il primo ''BarCamp'' della Camera dei Deputati, Roma 11 Aprile 2014. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Bruxelles ha nominato 52 esperti che dovranno lavorare come consiglieri per la Commissione europea sul tema dell'intelligenza artificiale (AI) e creare una piattaforma di collaborazione per aiutare a costruire una comunità di soggetti interessati: l'Alleanza europea per l'intelligenza artificiale. Tra i loro compiti principali ci sarà quello di redigere delle linee guida etiche per il settore entro la fine di quest'anno e di proporre una serie di raccomandazioni per il suo sviluppo che dovranno essere presentate invece entro la metà del 2019. I quattro italiani sono Andrea Renda, Francesca Rossi, Giuseppe Stefano Quintarelli e Luciano Floridi.

I curriculum dei 4 esperti italiani

Renda è ricercatore del Centre for European Policy Studies (Ceps) di Bruxelles. I suoi studi spaziano tra economia, diritto, tecnologia e politiche pubbliche. Dal settembre scorso insegna Innovazione digitale al Collego d'Europa di Bruges, sempre in Belgio, ma è anche non-resident fellow al Duke University's Kenan Institute for Ethics negli Stati Uniti. Negli ultimi due decenni, ha fornito consulenza accademica a diverse istituzioni, tra cui la stessa Commissione, in quanto membro del gruppo di esperti Esir (Economic and Social Impact of Research).

Rossi è professoressa, al momento in congedo, di scienza dei computer all'università di Padova e lavora per la ricerca sull'AI per la Ibm come AI Ethics Global Leader. I suoi campi di ricerca sull'intelligenza artificiale riguardano in particolare i vincoli di ragionamento, la scelta sociale computazionale e il processo decisionale collettivo. È anche interessata a questioni etiche nello sviluppo e nel comportamento dei sistemi di intelligenza artificiale, in particolare nei sistemi di supporto decisionale per i processi decisionali di gruppo.

Quintarelli, che è stato anche deputato nella scorsa legislatura, eletto con Scelta Civica, è presidente della Italian Digital Agency e membro del consiglio direttivo del Sustainable Development Solutions Network dell'Onu. Professore e imprenditore, nel 2009 ha ricevuto il premio Computer Scientist dell'anno dall'associazione Informatica italiana ed è stato riconosciuto dal Corriere della Sera come uno dei 30 imprenditori italiani più innovativi.

Infine Floridi è professore di Filosofia ed Etica dell'informazione all'università di Oxford, in Inghilterra nonché turing fellow e presidente del Data Ethics Group All'Alan Turing Institute di Londra. Le sue aree di competenza comprendono l'etica digitale, la filosofia della tecnologia e la filosofia dell'informazione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento