"Diesel, i fumi esausti del diesel sono cancerogeni": Ue interviene per proteggere i lavoratori

Abbassati i valori limite dopo sei anni che l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ne aveva riconosciuto la pericolosità per polmoni e prostata

Foto Ansa EPA/FOCKE STRANGMANN

Sono circa 12 milioni i lavoratori europei esposti ai fumi esausti dei motori a gasolio che, grazie alle novità introdotte nella legislazione europea sugli agenti cancerogeni e mutageni, potranno contare su maggiori tutele. I negoziati tra Parlamento, Consiglio e Commissione hanno dato il via libera all’introduzione dei fumi esausti del diesel nella lista delle sostanze che possono potenzialmente provocare un tumore e di cui occorre limitarne l’esposizione e la notazione cutanea, ovvero la possibilità di assorbimento attraverso la pelle.

La nuova normativa stabilirà il valore limite di 50 μg/m3 per l'esposizione ai fumi diesel, oltre a regole più severe per altre sette sostanze già contenute in precedenza nelle leggi comunitarie. L’inclusione dei fumi del diesel tra gli agenti cancerogeni e mutageni arriva sei anni dopo che l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ne ha riconosciuto la pericolosità per polmoni e prostata. Oltre all’insorgenza di tumori, i fumi esausti sono potenzialmente responsabili di effetti polmonari infiammatori e problemi cardiovascolari. I carburanti che alimentano i gas di scarico sono ampiamente utilizzati per il trasporto e la produzione di energia, dunque coloro che ne subiscono la maggiore esposizione sono i lavoratori del settore minerario, dell’edilizia, dei trasporti e della gestione dei rifiuti, ma anche nell’agricoltura e silvicoltura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono inoltre a rischio gli impiegati nei magazzini, garage e vagoni ferroviari in cui vengono adoperati veicoli a propulsione diesel. “Questo accordo è un successo — ha commentato l’eurodeputato belga Claude Rolin — considerato che, dopo mesi di negoziati, siamo riusciti a introdurre un tetto ai valori di fumi esausti emessi da motori diesel”. “Questa è una grande vittoria per i lavoratori europei”, ha aggiunto la portavoce del gruppo S&D per l'occupazione e gli affari sociali, Agnes Jongerius. “La metà dei decessi causati da una malattia professionale nell’Unione sono attribuiti al cancro. Limitando l'esposizione dei lavoratori ai fumi diesel, saremo in grado di salvare almeno 11.000 persone nei prossimi 40 anni”, ha concluso l’europarlamentare olandese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento