“Il Ceta non viola il diritto europeo”, prima vittoria del trattato Ue-Canada

Per l'avvocato generale della Corte di Lussemburgo la procedura di risoluzione delle controversie tra investitori e Stati previsto dall'accordo è compatibile con le leggi comunitarie

E' uno dei punti più controversi e contestati dell'accordo commerciale tra l'Ue e il Canada. Ma per l'avvocato generale della Corte europea, l'Isds, la procedura di risoluzione delle controversie tra investitori e Stati prevista dal Ceta, non viola il diritto comunitario. Al contrario di quanto sostenuto dalla causa promossa nel settembre 2017 dal Belgio. Oltre che da un fronte variegato di forze politiche europee e dal governo italiano.  

Il ricorso vallone

L'Isds era stato messo in forse, per la precisione, dal Parlamento della Vallonia guidato da Paul Magnette. Nella causa, la Vallonia chiede se la procedura rispetti o meno il diritto comunitario. Il governo regionale aveva espresso dubbi sugli effetti della procedura sulla competenza esclusiva della Corte nell'interpretazione del diritto dell'Unione, sul principio generale della parità di trattamento e sull'obbligo di efficacia del diritto dell'Unione, nonché sul diritto di accesso a un giudice indipendente e imparziale

Il parere

Secondo il parere dell'avvocato generale Yves Bot, pero', tali dubbi sono infondati. Nelle sue conclusioni, che non vincolano la Corte ma forniscono una possibile soluzione alla causa, l'avvocato generale ritiene che la procedura di risoluzione delle controversie sia compatibile con il trattato sull'Ue (Tue), il trattato sul funzionamento dell'Ue (Tfue) e con la Carta dei diritti fondamentali dell'Ue. Per l'avvocato, l'accordo non lede l'autonomia del diritto dell'Unione e non incide sul principio della competenza esclusiva della Corte di giustizia nell'interpretazione definitiva del diritto dell'Unione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il parere, come dicevamo, non è vincolante. La Corte Ue dovrà pronunciarsi con una sentenza. Ma per i sostenitori dell'accordo di libero scambio tra Ue e Canada, quella di oggi è stata una prima vittoria

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento