Sabato, 16 Ottobre 2021
Lavoro

Berlino potrebbe espropriare 243mila case private contro il caro affitti

Vittoria per il referendum contro le lobby immobiliari nella Capitale tedesca. Dove l'80% cittadini non ha una casa di proprietà

Più che una espropriazione, si tratterebbe di una resitituzione. Perché, secondo molti analisti, alla base della crisi abitativa che da anni affligge i 3,6 milioni di abitanti di Berlino, ci sarebbe la vendita (o svendita, per i più critici) di migliaia di appartamenti pubblici finiti in mano private all'inizio del 2000. Quale che siano le cause, c'è di fatto che nella Capitale tedesca il caro affitti è sempre più preoccupante. E che la maggioranza dei cittadini è stanca, tanto di avere votato a favore del referendum che chiede di "recuperare" dalle società immobiliari circa 243mila appartamenti. Per fermare la corsa al rialzo dei prezzi e le speculazioni.

La proposta

Lo spoglio è ancora in corso, visto che il referendum è stato calendarizzato nell'Election day della Capitale, quello di domenica 26 settembre, quando i berlinesi hanno votato anche per il rinnovo del Parlamento nazionale, di quello regionale e dei consigli municipali. Le proiezioni danno in netto vantaggio i favorevoli all'espropriazione (intorno al 57% in metà dei seggi), tanto che i promotori del referendum "Deutsche Wohnen & Co. enteignen" hanno già cantato vittoria. E a ragione.

Il forte appoggio popolare all'iniziativa, infatti, è palese. E costringerà le autorità locali, se non a provvedere a una espropriazione vera e proprio, a cercare almeno di trovare una risposta alla crisi abitativa. "I berlinesi ne hanno abbastanza di speculazioni e affitti folli", dicono i promotori del referendum. La proposta dell'iniziativa "Deutsche Wohnen & Co. enteignen" è di una legge che consentirebbe l'esproprio alle società immobiliari che posseggono più di 3.000 unità abitative: le case sopra questa soglia, verrebbero riacquistate dalle autorià berlinesi a un prezzo "ben al di sotto del valore di mercato", si legge sul sito della campagna.

I dubbi costituzionali

Secondo diverse stime, l'espropriazione proposta dal referendum riguarderebbe circa 243mila appartamenti. Il costo di una eventuale compensazione si aggirerebbe, secondo gli analisti immobiliari, tra i 28 e i 36 miliardi di euro. I referendari sostengono che la spesa sarebbe nettamente inferiore (tra i  7,3 e 13,7 miliardi), e verrebbe ammortizzata nel tempo grazie agli affitti "equi" che l'amministrazione proporrebbe. 

Sempre secondo i promotori del referendum, tale misura sarebbe in linea con l'articolo 15 della Legge fondamentale tedesca, che recita: "La terra, le risorse naturali e i mezzi di produzione possono, ai fini della nazionalizzazione, essere trasferiti alla proprietà pubblica o ad altre forme di impresa pubblica da una legge che determina la natura e l'entità dell'indennizzo". A loro avviso, non vi sarebbero violazioni del diritto alla proprietà privata e al principio di uguaglianza, cosa messa in dubbio invece da altri costituzionalisti. 

La palla al nuovo governo

A ogni modo, a dirimere le questioni giuridiche (e du budget) spetta adesso alle autorità. Il referendum non è vincolante, ma la nuova amministrazione dovrà comunque produrre una proposta in linea con la legge. La coalizione progressista che ha finora guidato Berlino (e che dovrebbe continuare a farlo) aveva provato nel recente passato a introdurre un tetto per fermare l'aumento dei prezzi in una città dove ben l'80% dei cittadini vive in affitto, ma la Corte Suprema aveva bloccato la misura considerandola contraria alla Costituzione (non per la misura in sé, quanto perché la questione dei prezzi è materia federale).

Il sostegno del voto popolare dà nuova linfa ai partiti più favorevoli all'esproprio, ossia sinistra e verdi. E i colossi dell'immobiliare sembrano cominciare a preoccuparsi. La società Akelius, accusata negli ultimi anni di avere contribuito ad aumentare i prezzi degli affitti a Berlino, ha annunciato proprio nel giorno del referendum la vendita di 14.050 appartamenti al gruppo svedese Heimstaden Bostad AB. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berlino potrebbe espropriare 243mila case private contro il caro affitti

Today è in caricamento