Antritrust, l'Ue indaga su Apple per l'acquisizione di Shazam

Secondo alcuni paesi europei, tra cui l'Italia, l'operazione con cui il colosso di Cupertino vuole acquisire la società che produce la popolarissima applicazione per smartphone che consente di identificare la musica, puo' incidere negativamente sulla concorrenza

L'acquisizione di Shazam da parte di Apple finisce nel mirino dell'Ue. Lo ha annunciato la Commissione europea precisando che dopo la richiesta presentata da Austria, Francia, Islanda, Italia, Norvegia, Spagna e Svezia, "ha accettato di esaminare la proposta acquisizione di Shazam da parte di Apple ai sensi del regolamento Ue sulle concentrazioni".

Ue: rischi per la concorrenza

La Commissione, come scrive Agi, teme infatti che l'operazione con cui il colosso di Cupertino vuole acquisire la società che produce la popolarissima applicazione per smartphone che consente di identificare la musica, "possa incidere negativamente sulla concorrenza. Bruxelles premette che "la proposta di acquisizione di Shazam da parte di Apple non raggiunge le soglie di fatturato fissate dal regolamento Ue sulle concentrazioni per le operazioni che devono essere notificate alla Commissione per via della loro dimensione Ue".

Anche l'Italia chiede chiarezza

Apple ha notificato l'acquisizione ai fini dell'autorizzazione in Austria, dove l'operazione raggiunge la soglia nazionale prevista per la notifica. L'Austria ha presentato alla Commissione una richiesta di rinvio ai sensi del regolamento Ue sulle concentrazioni, il quale consente agli Stati membri di chiedere alla Commissione di esaminare una concentrazione che, pur non avendo dimensione europea, incide sul commercio nel mercato interno e rischia di incidere in misura significativa sulla concorrenza nel territorio degli Stati membri che presentano la richiesta.

Successivamente, si sono unite alla richiesta Islanda, Italia, Francia, Norvegia, Spagna e Svezia. Sulla base "degli elementi presentati dall'Austria e dai paesi che si sono uniti alla richiesta di rinvio, e fatto salvo l'esito della propria indagine approfondita, la Commissione teme che l'operazione possa avere una rilevante incidenza negativa sulla concorrenza all'interno dello Spazio economico europeo". La stessa Commissione "ritiene quindi di essere l'autorità più idonea a trattare i potenziali effetti transfrontalieri dell'operazione e chiede a Apple di notificare l'operazione" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento