Il turismo può portare 5 milioni di posti di lavoro in 10 anni

Conferenza al Parlamento Ue su futuro del settore: Tajani, piattaforma Ue con risorse adeguate per rispondere alla competizione globale con Asia, America, Caraibi e Pacifico.

Conferenza sul Turismo a Parlamento Ue. © European Union 2017 - Source : EP.

5 milioni di posti di lavoro in 10 anni in Europa grazie al turismo. La stima è del Presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani, promotore della conferenza sul futuro del settore organizzata all’Eurocamera di Bruxelles in occasione della Giornata mondiale del turismo. Se già oggi il settore copre il 10% del Pil Ue, "nei prossimi 10 anni - ha aggiunto Tajani, che in un recente passato è stato anche Commissario Ue all’Industria con delega al Turismo - si potranno creare 5 milioni di posti di lavoro nell'Ue grazie al raddoppio dei viaggiatori da qui al 2030. L'Europa con il suo patrimonio storico ha tutte le carte in regola per intercettare questa nuova domanda".

Strategia comune europea per intercettare domanda globale

Per riuscirci si deve però, avverte il Presidente dell’Eurocamera, mettere in atto “una strategia comune” dotata di fondi propri all’interno del bilancio comunitario, una partita, indica Tajani, di almeno 25 milioni di euro all’anno, risorse capaci di “moltiplicarsi” attirando investimenti privati.

Le linee guida indicate dalla conferenza sono formazione, infrastrutture, rivoluzione digitale e promozione mirata sui mercati internazionali, a partire da quelli emergenti, in particolare quello cinese, sfruttando anche la valorizzazione del “brand Europa”.

“Serve un coordinamento che valorizzi le diversità che ogni Paese europeo ha da offrire”, ha insistito Tajani, “l'Arena di Verona non è in contrasto con la gastronomia francese, ogni elemento rappresenta un valore aggiunto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una competizione turistica che quindi non deve essere vissuta tra paesi Ue, ma tra regioni globali, l’offerta europea contro quella di Asia, America, Caraibi o Pacifico. “Per attirare più turisti internazionali è, dunque, necessario unire le forze, promuovendo l'Europa come destinazione, sul modello di promozione congiunta esistente negli Usa, in Canada o in Australia", ha proseguito Tajani. In quest’ottica “la piattaforma per la promozione congiunta proposta dalla Commissione europea  in sinergia con la European Travel Commission, le Regioni della network di Necstour, va nella giusta direzione, ma dobbiamo – ha concluso il Presidente del Parlamento Ue - accelerare ulteriormente, dotandola di risorse adeguate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in Europa la mascherina obbligatoria torna di moda. E la Germania lancia l'allarme

  • L'Olanda dice no all'obbligo della mascherina: "Inducono un falso senso di sicurezza"

  • Covid, Bruxelles verso il coprifuoco. E i giostrai protestano

  • "Telelavoro fino al 2021", la Svezia punta sullo smart working

  • "Giustizia per Chico Forti", FdI chiede all'Ue di attivarsi per l'italiano detenuto negli Usa da 20 anni

  • Coronavirus, in Belgio 'bolla' di 5 persone e coprifuoco notturno: "Vogliamo evitare il lockdown totale"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento