Frontex: a settembre meno sbarchi in Italia ma più partenze da Tunisia e Algeria

Arrivi in forte calo rispetto all'anno scorso, -66%. Aumentano gli ingressi in Spagna e Grecia.

Migrante in hotspot Lampedura. EC - Audiovisual Service

Meno sbarchi in Italia ma anche la conferma che le partenze da Tunisia e Algeria stanno soppiantando quelle dalla Libia portando ad una modifica delle rotte e ad un aumento degli arrivi che si ripercuote, nel mese scorso, su Spagna e Grecia. E' Frontex, l'Agenzia Ue per il controllo delle frontiere esterne, a presentare la cartolina dei fermi realizzati ai confini dell'Europa unita a Settembre, un mese in cui in totale sono stati registrati 13.900 arrivi illegali lungo le 4 principali rotte di accesso al Vecchio continente. Di questi, 5.600 persone sono state fermate in Italia, nel corridoio del Mediterraneo Centrale, una riduzione di due terzi rispetto allo stesso periodo del 2016 ed in linea con il -64% fatto registrare lungo le 4 principali rotte - Mediterraneo Centrale, Orientale, Occidentale e Balcani Occidentali - nei primi 9 mesi del 2017, 156 mila fermi da gennaio a settembre di quest'anno contro i 433 mila dello stesso periodo dello scorso anno. 

Meno sbarchi e rotte che cambiano

Due terzi di questi 156 mila arrivi sono giunti ai confini della Ue approdando sulle coste italiane, il 21% in meno rispetto al 2016. Inoltre dal luglio a settembre di quest'anno, il periodo più propizio agli sbarchi, si è registrato il minor afflusso di migranti dal 2014 a questa parte. Numeri in calo e rotte che cambiano, con partenze in aumento da Tunisia e Algeria. Parallelamente si modifica anche il profilo di chi sbarca in Italia, con un aumento di tunisini ed algerini, ed in generale di persone dal Nord Africa, seguiti da cittadini sub-sahariani, in particolare di Nigeria, Costa d'Avorio e Guinea. 

Ripercussioni su Spagna e Grecia

Sempre a seguito della diminuzione di partenze dalla Libia, è cresciuto il traffico sulla rotta del Mediterraneo Occidentale, con il doppio di arrivi registrati in Spagna nei primi 9 mesi dell'anno, una cifra, 14.800 sbarchi, comunque ancora molto inferiore a quella rilevata in Italia. Marocchini, cittadini della Costa d'Avorio ed Algerini le nazionalità più presenti su questa rotta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In aumento anche gli arrivi di settembre verso la Grecia, 5.750, +20%, e un dato superiore a quello italiano su base mensile, mentre dall'inizio dell'anno si contano in totale 27.400 migranti fermati, un dato dell'84% inferiore allo stesso periodo del 2016. In questo caso siriani, iracheni ed afgani la fanno da padrona. Quanto alla rotta dei Balcani Occidentali, Frontex rileva che grazie "al rafforzamento della cooperazione" nel controllo delle frontiere, i fermi sono stati assai pochi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento