Albania e Nord Macedonia nell'Ue, Bruxelles 'accontenta' Macron e propone nuove regole

Il presidente francese aveva bloccato l'ingresso di Tirana e Skopje criticando le norme sull'adesione di nuovi Stati membri, definendole "bizzarre". Adesso la Commissione spera di trovare un compromesso con Parigi

Più paletti sulle riforme e sullo Stato di diritto, e maggiore peso alla vigilanza da parte degli Stati membri. E non solo di Bruxelles. Sono questi, in estrema sintesi, i punti della proposta della Commissione europea per riformare le regole che governano il processo di adesione all'Ue dei Paesi oggi al di là dei confini comunitari. E con cui l'esecutivo spera di superare le resistenze della Francia all'ingresso di Albania e Macedonia del Nord, bloccato di fatto dal presidente Emmanuel Macron a fine 2019, quando l'allargamento a Tirana e Skopje sembrava ormai cosa fatta.

Macron contro Berlino e Roma

All'epoca, Macron si giustifico' definendo "bizzarre" le regole in vigore e non adatte a evitare il rischio di nuovi casi Ungheria e Polonia, ossia Paesi membri non proprio allineati agli standard Ue sullo Stato di diritto. Il muro di Macron non fu gradito da Germania e Italia, tra i più favorevoli all'allargamento ai Balcani occidentali. E adesso la Commissione europea prova a trovare un compromesso tra le posizioni di Parigi e altri Paesi scettici come l'Olanda, e quelle di Berlino e Roma.

Proprio l'enfasi sullo Stato di diritto è uno dei punti più significativi della proposta di riforma della Commissione. Ma c'è anche un maggiore ruolo dei governi nazionali nella valutazione dei progressi dei candidati all'ingresso Ue sotto il profilo delle riforme, un processo a oggi centralizzato per lo più a Bruxelles, secondo le accuse di Parigi. Nella pratica, un Paese membro, in base alle nuove regole, potrebbe sospendere il processo di allargamento se ritiene che lo Stato candidato sia venuto meno ai suoi impegni. 

In cambio di questi nuovi paletti, la Commissione ha fatto intendere che aumenterà il livello di investimenti a favore dei Balcani occidentali: "La Commissione mantiene fermamente le sue raccomandazioni di avviare negoziati di adesione con la Macedonia del Nord e l'Albania e fornirà prossimamente un aggiornamento sui progressi compiuti da questi due Paesi - ha detto il commissario per il Vicinato e l'allargamento, Oliver Varhelyi - Inoltre, proporremo nei prossimi mesi un piano di sviluppo dell'economia e degli investimenti per la regione". 

Ma vediamo punto per punto la proposta Ue.

Rafforzare il processo di adesione 

Un processo più credibile: il processo di adesione deve poggiare su solide basi di fiducia reciproca e impegni chiari da parte dell'Unione europea e dei Balcani occidentali. Per rafforzare la credibilità ci si dovrebbe concentrare ancora di più sulle riforme fondamentali, in primo luogo lo Stato di diritto, il funzionamento delle istituzioni democratiche e della pubblica amministrazione e l'economia dei Paesi candidati. Una volta che i paesi partner abbiano soddisfatto i criteri oggettivi, gli Stati membri converranno di passare alla fase successiva del processo, rispettando l'approccio basato sul merito.

Un orientamento politico più forte: la natura politica del processo di adesione richiede un orientamento politico più forte e un impegno ai massimi livelli. La Commissione propone di aumentare le opportunità di dialogo politico e strategico ad alto livello attraverso vertici periodici Ue-Balcani occidentali e contatti ministeriali più intensi. Gli Stati membri dovrebbero inoltre essere coinvolti in modo più sistematico nel monitoraggio e nel riesame del processo. Tutti gli organi istituiti a norma degli accordi di stabilizzazione e di associazione si concentreranno maggiormente sulle questioni e sulle riforme politiche fondamentali, mentre le conferenze intergovernative imprimeranno ai negoziati un orientamento politico più forte.

Un processo più dinamico: per infondere maggiore dinamismo al processo negoziale, la Commissione propone di riunire i capitoli di negoziato in sei gruppi tematici: questioni fondamentali; mercato interno; competitività e crescita inclusiva; agenda verde e connettività sostenibile; risorse, agricoltura e coesione; relazioni esterne. I negoziati su ciascun gruppo saranno avviati globalmente, una volta soddisfatti i parametri di riferimento per l'apertura, anziché sulla base dei singoli capitoli. I negoziati sulle questioni fondamentali saranno avviati per primi e chiusi per ultimi, e i progressi compiuti in questi ambiti determineranno il ritmo generale dei negoziati. Il periodo che intercorre fra l'apertura di un gruppo e la chiusura dei singoli capitoli dovrebbe essere limitato, riducendolo preferibilmente a un anno in funzione dei progressi delle riforme.

Un processo più prevedibile: la Commissione fornirà indicazioni più chiare su quello che l'Ue si aspetta dai paesi dell'allargamento nelle diverse fasi del processo, specificando le conseguenze positive che possono derivare dai progressi in materia di riforme e le conseguenze negative della mancanza di progressi.

Le riforme

Per incoraggiare l'attuazione delle riforme più impegnative, la Commissione definirà con maggior precisione le condizioni fissate perché i candidati possano progredire e offrirà incentivi chiari e tangibili che interessino direttamente i cittadini. Gli incentivi potrebbero comprendere l'integrazione accelerata e l'inserimento graduale nelle politiche, nel mercato e nei programmi dell'Ue, garantendo la parità di condizioni, nonché maggiori finanziamenti e investimenti. Più i candidati progrediscono sul fronte delle riforme, più avanzeranno nel processo. Analogamente, la Commissione propone misure più decisive che sanzionino proporzionalmente qualsiasi stallo o regresso grave o prolungato nell'attuazione delle riforme e nel rispetto dei requisiti del processo di adesione. I negoziati potrebbero essere sospesi in determinati settori o, nei casi più gravi, nel loro complesso, e i capitoli già chiusi potrebbero essere riaperti. I vantaggi di una più stretta integrazione, come l'accesso ai programmi dell'UE, potrebbero essere sospesi o ritirati, e l'entità e l'intensità dei finanziamenti UE potrebbero essere riviste al ribasso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prossime tappe

La Commissione si augura che gli Stati membri approvino la proposta, contestualmente all'avvio dei negoziati di adesione con la Macedonia del Nord e l'Albania, in previsione del vertice Unione europea-Balcani occidentali che si terrà a Zagabria il 6 e 7 maggio. In vista del vertice, la Commissione rifletterà su come promuovere gli investimenti, l'integrazione socioeconomica e lo Stato di diritto nella regione dei Balcani occidentali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento