Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

Il rifiuto di Cristiano Ronaldo è costato 4 miliardi alla Coca-Cola

Dopo il gesto del campione in conferenza stampa, il prezzo delle azioni della multinazionale Usa è sceso dell'1,6%

Il suo "rifiuto" ha fatto rapidamente il giro del mondo: seduto in conferenza stampa in vista del debutto della sua Nazionale agli Europei, Cristiano Ronaldo si è trovato davanti due bottigliette di Coca-Cola. Ma invece di aprirne una per bere, le ha spostate e ha alzato al cielo una bottiglietta d'acqua con un gesto che a molti è sembrato un invito "salutista" a non consumare bevande zuccherate. Un gesto che, racconta il Guardian, è costato 4 miliardi alla multinazionale Usa.

Già, perché subito dopo la conferenza stampa del capitano del Portogallo, le azioni della Coca-Cola sono scese da 56,10 a 55,22 dollari, un calo dell'1,6%. Che tradotto in valore di mercato significa un calo da 242 a 238 miliardi di dollari. Coca-Cola, uno degli sponsor ufficiali di Euro 2020, ha risposto all'accaduto con una dichiarazione in cui affermava che "ognuno ha diritto alle proprie preferenze di bevande" con "gusti ed esigenze diverse". Un portavoce di Euro 2020 ha dichiarato: "Ai giocatori viene offerta acqua, insieme a Coca-Cola e Coca-Cola Zero Sugar, all'arrivo alle nostre conferenze stampa". 

Ronaldo è un rinomato fanatico della salute e ha più volte spiegato quanto i suoi successi siano legati anche all'attenzione elevata che riserva alla corretta e sana alimentazione. Si considerino poi i suoi 300 milioni di follower su Instagram e si può ben comprendere come li campione portoghese possa venire considerato a tutti gli effetti uno dei più potenti food influencer del mondo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il rifiuto di Cristiano Ronaldo è costato 4 miliardi alla Coca-Cola

Today è in caricamento