rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Lo scandalo

Di giorno poliziotto, di notte buttafuori (in nero) nel "pub degli stupri": agente finisce sotto inchiesta

Il caso a Bruxelles: sospetti sui legami tra questa vicenda e il mancato seguito dato dalla polizia alle denunce delle clienti del locale

Di giorno poliziotto, di notte buttafuori (pagato in nero) di un pub. È l'accusa su cui sta indagando la polizia di Bruxelles e che riguarda un agente in servizio presso il commissariato di Ixelles. La vicenda, già di per sé imbarazzante per le autorità belghe, potrebbe avere un risvolto ancora più grave: l'uomo, infatti, avrebbe lavorato per lo stesso pub che, a inizio ottobre, è finito al centro di uno scandalo dopo che diverse clienti hanno denunciato di essere state drogate e stuprate dal barista. Le loro denunce, a quanto pare, non avrebbero trovato seguito presso il commissariato di Ixelles, lo stesso dove è in servizio il poliziotto con il presunto doppio lavoro.   

Lo scandalo ha destato molto clamore nel Paese, con tanto di proteste e azioni di boicottaggio nei confronti del locale incriminato. In seguito al clamore, la polizia di Bruxelles ha avviato un'indagine su due bar, situati in uno dei centri della movida della capitale belga, il quartiere universitario del Cimètiere d'Ixelles. E proprio nel corso dell'inchiesta, sarebbe emerso un altro, importante particolare: un agente della polizia di Ixelles, il commissariato che ha preso in carica le denunce delle ragazze, è stato denunciato internamente perché, secondo i suoi colleghi, aveva svolto fino a poco tempo prima attività remunerate e non dichiarate in uno di questi due stabilimenti, come buttafuori, secondo diverse fonti.

Secondo quanto riportato da Ilse Van de Keere, portavoce del distretto di polizia, la voce è arrivata alle orecchie del capo dipartimento il 14 ottobre, che ha subito informato il Servizio degli Affari Interni (IAS) della zona. Ma è stato solo all'inizio di novembre, il 4 per essere precisi, che è stata presa la decisione di aprire un'indagine interna contro l'agente, dopo che "altre informazioni" erano giunte alle orecchie del commissariato. E il 10 novembre, l'uomo è stato infine rimosso dal suo incarico e spostato in un altro dipartimento in attesa di ulteriori indagini.

Il comissariato ha dichiarato che "tutti gli elementi in nostro possesso sono stati trasmessi agli investigatori nominati dal procuratore del re (in Belgio il procuratore del re agisce come pubblico ministero presso il Tribunale di primo grado, il Tribunale di polizia e il Tribunale commerciale, ndr)", gli stessi che stanno indagando sulle accuse di violenza sessuale.

Interrogato da LeSoir Christos Doulkeridis, sindaco di Ixelles (i municipi a Bruxelles hanno lo status di comuni, ndr), si è detto stupito e ha fatto sapere di aver richiesto un rapporto sull'argomento alla polizia della zona. "Gli elementi di questo rapporto mostrano che il commisariato ha ragione a considerare questi fatti come potenzialmente molto gravi", dice. Al momento, dai due locali al centro dell'indagine non sono arrivati commenti. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di giorno poliziotto, di notte buttafuori (in nero) nel "pub degli stupri": agente finisce sotto inchiesta

Today è in caricamento