rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Il blitz / Germania

Ex terrorista anarchica arrestata a Berlino: aveva passaporto italiano

Faceva parte della Raf, la "Frazione dell'Armata rossa", ed è anche sospettata di un attacco terroristico all'ambasciata statunitense. Era ricercata da 30 anni: la storia

La polizia di Berlino ha arrestato Daniela Klette, accusata di essere un ex membro del gruppo terroristico di estrema sinistra "Rote Armee Fraktion" (Raf), "Frazione dell'Armata rossa", nota anche come "banda Baader-Meinhof". Come ha riportato Der Spiegel, avrebbe usato un "passaporto italiano". La notizia è stata resa nota dai membri delle forze di sicurezza, citati dall'agenzia di stampa tedesca Dpa. La 65enne Klette e due altri membri del gruppo, Burkhard Garweg e Ernst-Volker Staub, sono accusati di tentato omicidio e di una serie di rapine commesse tra il 1999 e il 2016. La Raf è considerata responsabile dell'uccisione di oltre 30 persone e del ferimento di almeno altre 200 in attentati commessi durante gli anni '90. 

L'arresto in un condominio di Kreuzberg: "Ritrovate munizioni"

Secondo le informazioni riportate dalla Dpa, Klette, ricercato da decenni dalla Raf come terrorista, è stata arrestata in un condominio in Sebastianstrasse. Secondo il Der Spiegel, Daniela Klette è stata identificata "grazie alle impronte digitali e pare abbia usato un passaporto italiano", scrive sul proprio sito lo stesso settimanale tedesco senza fornire altri dettagli. Nell'appartamento sono state trovate delle munizioni. 

Al momento dell'arresto la donna "non ha opposto resistenza", riferisce ancora il sito. L'arresto di Klette è avvenuto in un edificio di sette piani della Sebastianstrasse, vicino a dove correva il confine fra le allora Berlino ovest ed est, precisa l'agenzia Dpa. Il tentato omicidio e le rapine di cui le autorità accusano Klette e altri due ex-terroristi furono perpetrati in Bassa Sassonia e in Renania Settentrionale-Vestfalia, due regioni occidentali tedesche.

Che cosa è la Raf, la "Frazione dell'armata Rossa", chiamata anche "banda Baader-Meinhof"

Il gruppo  anarchico-rivoluzionario tedesco "Rote Armee Fraktion" fu fondata il 14 maggio 1970. Anche noto come banda Baader-Meinhof, dai nomi dei fondatori Andreas Baader e Ulrike Meinhof, come racconta l'enciclopedia Treccani sull'onda della contestazione studentesca scelse presto la lotta armata. La sua attività raggiunse l’acme fra il 1975 e il 1977, culminando con il rapimento del presidente degli industriali tedeschiSchleyer e il dirottamento di un aereo della Lufthansa: la sanguinosa liberazione a Mogadiscio dei passeggeri dell'aereo fu accompagnata dalla morte in carcere - ufficialmente per suicidio - di Baader e di altri due leader storici del gruppo e dall’uccisione di Schleyer.

Secondo la Dpa, Klette è sospettata di aver partecipato a un attacco con armi da fuoco all'ambasciata statunitense di Bonn nel 1991. Si sospetta una sua partecipazione anche in un attentato dinamitardo alla prigione di Weiterstadt nel 1993. Inoltre tracce indicano che la donna sarebbe stata anche sulla scena dell'operazione antiterrorismo del 1993 a Bad Kleinen, in Meclemburgo (nord-est della Germania), dove morirono un agente di polizia e un uomo della Raf. 

La Raf è stata responsabile di 33 omicidi tra gli anni Settanta e i primi anni Novanta, ricorda il Der Spiegel. Oltre all'allora capo della Deutsche Bank Alfred Herrhausen, 12 anni prima, nel 1977 il gruppo aveva ucciso anche il procuratore generale federale Siegfried Buback con un attentato dinamitardo. L'organizzazione è rimasta attiva fino al 1993 ed è stata formalmente disciolta nel 1998. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex terrorista anarchica arrestata a Berlino: aveva passaporto italiano

Today è in caricamento