Germania e Francia lanciano la coalizione dell'idrogeno "verde"

Dopo il piano da 9 miliardi lanciato la scorsa settimana, Berlino e altri 6 governi, tra cui quello di Parigi, chiedono alla Commissione europea maggiori investimenti per sviluppare questo gas che potrebbe mettere d'accordo ambientalisti e multinazionali del fossile

Dopo il piano da 9 miliardi lanciato la scorsa settimana, la Germania porta adesso la sfida dell'idrogeno verde al tavolo dei ministri europei dell'Energia. E lo fa con una lettera congiunta con Francia, Olanda, Austria, Belgio e Lussemburgo (oltre alla Svizzera in quota extra-Ue), il cui scopo è di aumentare gli investimenti della Commissione europea nello sviluppo di questa fonte considerata in linea con le mire di sostenibilità del Vecchio Continente. 

L'idrogeno verde è un gas prodotto attraverso l'elettrolisi alimentata da fonti rinnovabili come l'eolico e il fotovoltaico. C'è anche una versione "blu", creata però attraverso il gas e considerata dagli ambientalisti una sorta di 'fake' della sostenibilità. Di diverso avviso Paesi come l'Italia (oltre che aziende tricolore come Eni e Snam), che vedono nell'idrogeno blu una via per far fruttare in modo eco-frienfly gli investimenti fatti negli ultimi anni sui gasdotti e sulle ricerche di giacimenti di gas in giro per il Mediterraneo e oltre.   

Anche la Germania è interessata all'idrogeno blu e non a caso la lettera presentata alla riunione dei ministri Ue cita spesso un termine più generico, ossia "idrogeno pulito". Quale che sia il colore o l'aggettivo usato, a Bruxelles sembra esserci una larga convergenza verso l'aumento degli stanziamenti in merito. Il ministro austriaco dell'Ambiente, Leonore Gewessler, ha dichiarato a Politico che l'idrogeno dovrà "svolgere un ruolo significativo per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050 in Europa".

Secondo il ministro olandese Eric Wiebes, "in settori come l'industria e i trasporti, l'idrogeno pulito è l'anello mancante nella transizione energetica. Per far sì che ciò accada, dobbiamo aumentare e ridurre i costi dell'idrogeno pulito". Nella lettera, si chiede alla Commissione di "presentare un piano d'azione in tempi rapidi seguito da proposte legislative per consentire un approccio normativo flessibile e adeguato allo scopo" e analizzare "approcci per aumentare la produzione interna". La dichiarazione invita inoltre la Commissione a "aumentare il sostegno all'innovazione e alla ricerca e sviluppo nell'idrogeno rinnovabile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'interno della Commissione, i firmatari possono contare sull'appoggio del vicepresidente Frans Timmermans, che dovrebbe presentare già in estate una strategia per l'idrogeno. E che di recente ha sottolineato come le risorse europee del nuovo Just Transition Fund potrebbero benissimo essere usate all'ex Ilva di Taranto per sostituire il carbone con l'idrogeno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • Erdogan vuole che l'ex basilica di Santa Sofia a Istanbul torni ad essere una moschea

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • Grecia stanca della Troika: "Condizionalità nel Recovery Fund inaccettabili"

  • Saviano e Fazio a evento del Parlamento Ue, Lega attacca: "Siamo messi bene"

Torna su
EuropaToday è in caricamento