Asiago, Speck Alto Adige e Pecorino romano alla conquista del Nord America

Presentati a Bruxelles i risultati parziali di 'Uncommon Flavours of Europa', campagna triennale di promozione delle tre eccellenze agroalimentari italiane in Stati Uniti e Canada finanziata in gran parte dalla Ue

Uncommon Flavours of Europe

Incontri con la stampa specializzata, chef e importatori a New York e Montreal, campagne di informazioni e promozione e un dialogo diretto con i consumatori di Stati Uniti e Canada grazie a canali on-line, social, stampa e tv del Nord America. La campagna 'Uncommon Flavours of Europe', iniziata l'anno scorso, è ora entrata nel vivo con l'obiettivo di imporre Asiago, Speck Alto Adige e Pecorino Romano sulle tavole del Nord America. 

Progetto di 3 anni da 2,5 milioni di euro

Il progetto della durata di 3 anni, dal 2017 al 2019, e dal budget di 2,5 milioni di euro, di cui 2 milioni, l'80% finanziato direttamente dalla Ue, vuole far meglio conoscere 3 eccellenze dell'agroalimentare italiano sfruttando i programmi comunitari finalizzati alla promozione dei prodotti di qualità. L'apertura ai mercati esteri impone anche la questione degli accordi commerciali e di come meglio sfruttarli per assicurarsi una presenza consolidata in contesti commerciali diversi.

Consorzio Asiago: "Bene gli accordi commerciali, ma ci vogliono anche pianificazione e marketing aggressivo" 

Al riguardo, segnalando i problemi sorti con il recentissimo trattato commerciale Ue-Giappone su alcune tutele per i formaggi italiani, il direttore del Consorzio Tutela Formaggio Asiago Flavio Innocenzi ricorda che "la tutela legale da accordi internazionali è importante, ma da sola non basta, va accompagnata dalla promozione e da sforzi continui nei mercati di esportazione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SOS. Salvate i formaggi italiani in Giappone. La denuncia di Assolatte e Coldiretti

La denominazione Asiago è tra quelle soggette a eccezione nell'accordo. In quel paese, precisa Innocenzi, "il nostro marchio è registrato e protetto, ma a prescindere dall'esito dei negoziati sulle Dop, che sono importanti, per esportare ci vogliono organizzazione, pianificazione, marketing e capacità di aggredire i mercati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

  • Svedesi via da casa a 17 anni, italiani a 30. Ma in Ue c'è chi è più "mammone" di noi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento