rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
La vittoria / Finlandia

Il ritorno di Alexander Stubb, eletto presidente della Finlandia

Il politico conservatore era stato per anni lontano dalla politica attiva, ora ha battuto al ballottaggio Pekka Haavisto, il candidato indipendente vicino ai Verdi. Sarà il primo capo di Stato scelto nell'era Nato

Alexander Stubb è il nuovo presidente della Finlandia. L'ex primo ministro, espressione del partito di centrodestra Coalizione nazionale, ha vinto al ballottaggio col 51,6% dei consensi battendo l'ex ministro degli Esteri Pekka Haavisto, il candidato indipendente vicino ai verdi. L'affluenza alle urne è stata di oltre il 70. Stubb, che ha iniziato la carriera politica nel 2004 come eurodeputato al Parlamento europeo, prende il posto di Sauli Niinisto, capo di Stato conservatore che ha svolto due mandati consecutivi.

Quest'ultimo per dodici anni aveva promosso una politica di dialogo con la vicina Russia, con cui il Paese condivide la porzione di confine europeo più lungo per una singola nazione, pari a 1.340 chilometri. Tuttavia, dopo l'invasione dell'Ucraina lanciata il 24 febbraio del 2022, la politica estera di Helsinki è cambiata e nell'aprile dello scorso anno il Paese baltico è entrato a far parte della Nato, e ora al nuovo presidente Stubb spetta il compito di definire compiti e orientamenti rispetto all'Alleanza atlantica.

Il Cremlino auspica che il nuovo presidente finlandese abbia "un approccio più equilibrato al tema delle relazioni russo-finlandesi" rispetto alla situazione degli ultimi tempi, ha detto il portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov. "Ovviamente, diciamo che questa è la scelta del popolo finlandese, il suo diritto sovrano, quindi possiamo solo rispettare la scelta dei finlandesi", ha sottolineato il portavoce a proposito, sostenendo però che le relazioni negli ultimi anni si sono deteriorate "senza alcuna colpa" da parte di Mosca bensì "su iniziativa delle autorità finlandesi".

Erano anni che Stubb era allontanato dalla vita politica attiva, dopo che nel 2018 aveva provato a candidarsi alle primarie popolari per diventare presidente della Commissione, perdendo contro Manfred Weber (anche se poi per il posto fu scelta alla fine Ursula von der Leyen). Negli ultimi 3 anni, Stubb ha diretto l'Istituto universitario europeo di Firenze. Ricercatore in scienze politiche, ha avuto una carriera tutta europea: inizialmente consigliere e poi eletto eurodeputato nel 2004, fu ministro degli Esteri a 40 anni. Premier nel periodo 2014-2015, passo' poi alle Finanze in un governo di centro.

L'adesione del suo Paese alla Nato, che lui aveva sempre sostenuto, lo ha fatto tornare alla politica finlandese, incoraggiato dal suo partito Coalizione nazionale, che ora è al governo con il premier Petteri Orpo. "Quando la patria ti chiama, ci vai - aveva detto annunciando la sua candidatura - Credo che uno dei compiti più importanti del prossimo mandato presidenziale sarà di lavorare a un sistema internazionale basato sulle regole".

Continua a leggere su Europa.Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno di Alexander Stubb, eletto presidente della Finlandia

Today è in caricamento