Martedì, 21 Settembre 2021
Ambiente

L'Ue lancia una delle "più grandi operazioni comuni di lotta antincendio mai realizzate in Europa"

Diversi Stati hanno attivato i loro meccanismi di solidarietà non solo verso Italia e grecia ma anche nazioni esterne al blocco come Albania, Macedonia del nord e Turchia

Operazioni antincendio in Grecia - foto Ansa EPA/ORESTIS PANAGIOTOU

Con diverse nazioni che continuano a bruciare prese nella morsa degli incendi estivi, la Commissione europea ha annunciato di aver incrementato negli ultimi giorni l'invio di aerei, elicotteri e vigili del fuoco non solo in Grecia, ma anche in Paesi non membri dell'Ue come Albania, Macedonia del Nord e Turchia, in quella che ha definito “una delle più grandi operazioni comuni di lotta antincendio mai organizzate in Europa”.

In totale, Stati hanno finora mobilitato 14 aerei antincendio, 3 elicotteri, circa 1.300 vigili del fuoco e 250 veicoli per assistere queste nazioni, ha affermato l'esecutivo comunitario in una nota. In Grecia sono stati dispiegati nove aerei forniti da Francia, Svezia, Croazia, Spagna e Cipro, quasi mille vigili del fuoco e 200 veicoli. Questi aiuti si aggiungono ai mezzi già dispiegati la settimana scorsa per contribuire alla lotta contro gli incendi boschivi in Italia, Albania e Macedonia del Nord: due Canadair inviati dalla Francia nelle zone colpite nel nostro Paese; due elicotteri inviati da Cechia e Paesi Bassi per sostenere le operazioni in Albania; forze terrestri schierate da Slovenia, Bulgaria e Austria per aiutare la Macedonia del Nord, cui si è aggiunto un aereo supplementare inviato dalla Romania sabato scorso; operazioni antincendio in corso coordinate dall'Ue in Turchia.

"Stiamo realizzando una delle più grandi operazioni comuni di lotta antincendio mai organizzate in Europa, a seguito degli incendi multipli che colpiscono diversi paesi contemporaneamente. Ciò evidenzia l'esigenza di dare priorità alla risposta alle crisi anche a livello europeo”, ha rivendicato il commissario per la Gestione delle crisi, Janez Lenar?i?, esprimendo la “piena solidarietà” dell'Ue “in questo momento difficile”, e dicendosi “molto grato a tutti i paesi che hanno offerto aiuto per la solidarietà concreta da loro dimostrata”. “Il nostro pensiero va a tutte le persone colpite e agli operatori di primo intervento, che rischiano la vita per combattere gli incendi", ha concluso.

In quest'estate rovente, l'Italia ha finora il primato europeo per numero di incendi divampati, mentre è seconda a un'incollatura dalla Grecia per gli ettari divorati dalle fiamme. Stando ai dati dell'European Forest Fire Information System (Effis) della Commissione europea, in Italia -dall'inizio dell'anno a oggi- sono bruciati 102.933 ettari di terreno, un'area grande quanto 140mila campi da calcio. Si tratta del quadruplo rispetto ai 28.479 ettari arsi, in media, ogni anno dal 2008 al 2020. Finora nella Penisola sono scoppiati 393 incendi di grandi dimensioni (oltre i 30 ettari), contro una media di 224 nel periodo 2008-2020.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ue lancia una delle "più grandi operazioni comuni di lotta antincendio mai realizzate in Europa"

Today è in caricamento