Giovedì, 5 Agosto 2021
Ambiente

Lotta a incendi e terremoti: nasce RescEU, il nuovo sistema di protezione civile europea

Per la prima volta, l'Ue si doterà di mezzi gestiti direttamente da Bruxelles per far fronte alle emergenze. Solo quest'anno le catastrofi naturali hanno provocato 200 vittime in tutta Europa

Source: EC - Audiovisual Service / Photo: Paulo Duarte

Un parco europeo di mezzi di protezione civile, come aerei antincendio, ospedali da campo e attrezzature per il pompaggio dell'acqua, da dispiegare negli Stati membri per aiutarli in caso di disastri naturali, se non dovessero farcela da soli. E' questo il cuore di RescEU, il nuovo sistema di protezione civile lanciato oggi a Bruxelles salla Commissione europea.

“L'Europa non può rimanere in disparte mentre i nostri Stati membri soffrono per disastri naturali e hanno bisogno di aiuto", aveva detto il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, dopo le polemiche per la lentezza dei soccorsi in occasione dei devastanti incendi in Portogallo e Spagna: “Il coordinamento europeo non funziona, perché un aereo antincendio non puo' partire dalla Francia quattro giorni dopo lo scoppio di un incendio in Spagna”, aveva aggiunto.

Lo ha ammesso oggi lo stesso ommissario europeo agli Aiuti umanitari e gestione delle crisi Christos Stylianides: "Le tragedie della scorsa estate e degli ultimi anni hanno dimostrato che l'attuale sistema di risposta ai disastri è arrivato al limite, nel suo attuale formato volontaristico". Nel 2017, i disastri naturali hanno ucciso circa 200 persone in Europa, distruggendo oltre un milione di ettari di foreste. 

Ecco cosi' la necessità di dare direttamente a Bruxelles i mezzi per far fronte alle emergenze immediate. Per adesso, non è stato fornito un numero preciso in merito a quanti aerei e attrezzature saranno acquistate dall'Ue: “Gli aerei verranno affittati o presi in leasing, piuttosto che comprati", ha precisato il commissario Ue. I mezzi saranno localizzati a Bruxelles, ma "attraverso il nostro studio di fattibilità potremo dispiegarli in tutta Europa, vicino a dove i disastri naturali" hanno luogo. 
 
La Ue, inoltre, istituirà una riserva di risorse per gli interventi di protezione civile, che aiuterà gli Stati membri a reagire alle catastrofi, se le capacità nazionali si rivelano insufficienti. Si chiamerà 'rescEU' e sarà dotata di aerei antincendio e sistemi di pompaggio dell'acqua. Tutti i costi e le capacità di 'rescEU' saranno interamente coperti da finanziamenti europei e la Commissione assicurerà il controllo operativo delle risorse, decidendo quando e come mobilitarle. E' questo uno degli aspetti centrali del piano Ue presentato dalla Commissione per rendere più efficace la reazione alle catastrofi naturali. Di 'rescEù faranno anche parte le squadre di ricerca e soccorso in ambiente urbano, gli ospedali da campo e le unità mediche di pronto intervento.

Nel 2017 le catastrofi naturali nella Ue hanno causato la morte di più di 200 persone. Dal 1980, oltre al pesante bilancio di vite umane, gli Stati membri hanno perso oltre 360 miliardi a causa dei fenomeni meteorologici estremi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta a incendi e terremoti: nasce RescEU, il nuovo sistema di protezione civile europea

Today è in caricamento