Linea dura di Amsterdam: vietati tutti i veicoli a benzina o diesel in città entro il 2030

Addio già dal prossimo anno a tutte le auto a gasolio in circolazione da 15 anni. Dal 2025 vietate anche le imbarcazioni a combustibili fossili. Il Comune: “L’inquinamento è un killer silenzioso”

Foto Ansa EPA/REMKO DE WAAL

Il piano d’azione “Aria pulita” libererà le strade della capitale olandese dalle emissioni di auto e moto entro il 2030. Lo promette l’amministrazione cittadina, che intende mettere al bando benzina e diesel come parte del programma di bonifica dell’aria urbana. I combustibili sarebbero responsabili, secondo le autorità, della riduzione di un anno dell'aspettativa di vita degli abitanti. Che ora dovranno tenere a mente le scadenze future per non incorrere in multe.

Le tappe

Già a partire dall’anno prossimo alle auto diesel in circolazione da 15 anni sarà vietato l’ingresso all’interno del ‘Rijksweg’ A10, il grande raccordo anulare che circonda il centro urbano. Strada sbarrata anche agli autobus che emettono CO2 nell’aria, che resteranno fuori dal centro città a partire dal 2022.  Entro il 2025, il divieto sarà esteso alle imbarcazioni private a combustibile, che affollano i canali di Amsterdam, ma anche ai ciclomotori e scooter che non rispettano la nuova politica a zero emissioni.  L’intero traffico cittadino sarà quindi ristretto alle solo auto, moto e imbarcazioni che non hanno bisogno di benzina o diesel entro il 2030.

Sì ai veicoli elettrici

Rimarranno, senza dubbio, i tanti veicoli elettrici che affollano già le strade della capitale olandese, agevolati dalla presenza di colonnine di ricarica sparse per tutta la città.  Altra promessa del Comune è quella di offrire agli “amsterdammers”, entro il 2025, almeno altre 16mila stazioni di ricarica, rispetto alle attuali 3mila. “L'inquinamento è un killer silenzioso ed è uno dei più grandi rischi per la salute di Amsterdam”, dice l'assessore al Traffico della città, Sharon Dijksma, annunciando la drastica decisione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sindaca Verde

Ma non si può dire si sia trattato di un fulmine a ciel sereno per gli appassionati del motore a benzina. L’elezione nel luglio scorso della sindaca Femke Halsema, del partito GroenLinks (Sinistra verde), ha definitivamente aperto la strada alle politiche locali sostenibili ed ecologiste. A meno di un anno dalla sua elezione, Halsema ha rispettato la promessa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Ue vara la prima mappa comune del Covid: Italia in codice arancione, rosso per Spagna, Olanda e Francia

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • Addio "lockdown smart", l'Olanda chiude bar, coffeeshop e ristoranti e vieta l'alcool

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento