menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
UNa miniera di carbone, foto a scopo illustrativo - Ansa EPA/FRIEDEMANN VOGEL

UNa miniera di carbone, foto a scopo illustrativo - Ansa EPA/FRIEDEMANN VOGEL

Praga fa causa a Varsavia per la miniera di carbone al confine: "Fa male ai nostri cittadini"

La Repubblica Ceca porterà la Polonia alla Corte di giustizia europea per le attività minerarie illegali del sito di Túrow. Sarà il primo caso legale nella storia dell'Ue in cui uno Stato membro fa causa a un altro per motivi ambientali

Tra Repubblica Ceca e Polonia inizia una battaglia legale con Praga che ha deciso di portare Varsavia alla Corte di Giustizia europea, dando il via per la prima volta nella storia a una causa tra due Stati membri dell'Ue per ragioni ambientali.

La miniera sotto accusa

Al centro della contesa la miniera di carbone di Turow, situata al confine tra le due nazioni e la Germania, che secondo il governo Ceco incide negativamente sulla vita dei cittadini locali, in particolare sulle forniture idriche nei villaggi della zona. Praga contesta di non essere stata consultata nel processo che ha portato Varsavia ad estendere la durata di vita del sito fino al 2026, nonostante le critiche delle autorità ceche che avrebbero voluto che venisse preso in considerazione l’impatto ambientale della miniera, che da sola produce circa l’8% del fabbisogno di elettricità della Polonia. "Ho cercato per molto tempo di risolvere questa controversia senza coinvolgere il tribunale", ha detto Tomáš Pet?í?ek, del gruppo parlamentare europeo Socialisti e Democratici, la cui proposta di citare in giudizio la Polonia è stata approvata dal governo ceco lunedì 22 febbraio e accolta dalle autorità locali ceche e dalle Ong ambientaliste.

La Commissione con Praga

Come spiega Euractiv, secondo Praga la Polonia avrebbe violato il diritto dell'Ue. Nel dicembre 2020, la Commissione europea aveva già sostenuto le richieste della Repubblica ceca, che accusava la Polonia di violare la direttiva sulla valutazione dell'impatto ambientale, che richiede una consultazione transfrontaliera e il principio di cooperazione sancito dal trattato fondativo dell’Unione. "La miniera ha un impatto negativo sulla vita quotidiana e, purtroppo, i negoziati non hanno soddisfatto le nostre aspettative. Quindi, presenteremo una causa. Allo stesso tempo, proporremo anche misure provvisorie", ha detto Pet?í?ek. Se il tribunale gli darà ragione l'estrazione di carbone a Turów dovrà essere interrotta immediatamente fino al giudizio finale del tribunale. Come spiega Euronews, secondo l’Ufficio europeo per l’ambiente si tratta del primo caso legale nella storia dell’Ue in cui uno Stato membro porta davanti alla corte un altro Paese per motivi ambientali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento