menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ansa EPA/PATRICK PLEUL

Ansa EPA/PATRICK PLEUL

Epidemia di borreliosi di Lyme a livelli “allarmanti”, Strasburgo chiede interventi

Si stimano dai 650mila agli 850mila casi, ma i metodi di diagnosi della malattia che viene trasmessa dalle zecche sono ancora inadeguati

La borreliosi di Lyme è la malattia zoonotica, trasmessa cioè dagli animali all'uomo, più comune in Europa. Si stimano dai 650mila agli 850mila casi con una maggiore incidenza nell'Europa centrale, ma la vera estensione della malattia nell'Ue è sconosciuta a causa della mancanza di statistiche e dell'ampia varietà di definizioni e metodi per rilevarla, diagnosticarla e trattarla. Molti pazienti non sono né prontamente diagnosticati né hanno accesso a un trattamento adeguato. La malattia non viene diagnosticata in modo insufficiente a causa delle difficoltà nel rilevare i sintomi e l'assenza di adeguati test diagnostici. La malattia si manifesta solitamente con eritemi accompagnati da febbre, mal di testa, dolori muscolari e spossatezza che se non vengono curati in tempo portano a dolori e gonfiore alle articolazioni che durano anche mesi.

L'infezione si verifica solitamente nel semestre primavera-estate (da aprile a ottobre) e la borreliosi è riconosciuta come una malattia professionale per agricoltori, operatori forestali e ricercatori sul campo. La malattia si trasmette tramite zecche infette e tra le cause sospette ci sono, tra le altre cose, cambiamenti nell'uso del suolo, attraverso l'imboschimento di terre di bassa qualità o l'espansione di piante invasive, il cambiamento climatico, il riscaldamento globale, l'eccessiva umidità e altre attività legate al comportamento umano. L'epidemia per il Parlamento europeo è arrivata a un livello "allarmante".

In una risoluzione approvata dalla plenaria di Strasburgo gli eurodeputati affermano che la scala della diffusione della malattia "costituisce un problema di salute europeo" ed è quindi auspicabile che gli stati membri condividano dati e rapporti epidemiologici. Per i deputati la Commissione europea dovrebbe elaborare un piano a livello Ue per combattere la malattia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Paese meno violento d'Europa? È l'Italia (insieme a Malta)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento