menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Vacanze col proprio amico a 4 zampe? Ecco le regole Ue per viaggiare con cani e gatti

Se non si rispettano le norme gli animali possono essere bloccati in aeroporto, rimpatriati o addirittura in casi estremi abbattuti

Attenzione a quando si va in vacanza col proprio animale da compagnia. Circolare nell’Ue con l’amico a quattro zampe è possibile, ma solo a determinate condizioni. È bene sapere quali sono, per evitare di incorrere in spiacevoli sorprese, perché se cani o gatti non sono in regola possono essere fermati in aeroporto, rimpatriati e addirittura, in certi casi, abbattuti.

Le regole europee in materia sono chiare, e sono state riviste nel 2013 con il regolamento sul movimento degli animali da compagnia a fini non commerciali. A ogni cittadino dell’Ue non è consentito di portare con sé più di cinque esemplari tra cani, gatti e furetti. Indipendentemente da chi accompagna il padrone, ogni esemplare deve avere il proprio passaporto animale, con indicate tutte le caratteristiche (nome, specie, razza, sesso, colore, data di nascita dichiarata dal proprietario e qualsiasi tratto o caratteristica visibile o distintiva dell’animale da compagnia). Nel caso dei cani è indispensabile anche il chip identificativo. Inoltre ogni animale deve essere in regola con le vaccinazioni, specie quelle anti-rabbica. Speciali deroghe possono essere concesse per gli animali di età compresa tra le 12 e le 16 settimane vaccinati ma non ancora immuni, ma ad ogni modo attenzione a essere in regola.

Se gli animali non rispondono alle disposizioni comunitarie, si rischia seriamente di dover rinunciare a viaggi e vacanze, in quanto le autorità dello Stato membro di destinazione potrebbero disporre l’isolamento dell’animale o il suo rimpatrio. Quando nessuna di queste due misure risulta praticabile, a termini di regolamento europeo l’autorità competente può disporre “in ultima istanza, di sopprimere l’animale da compagnia in conformità delle norme nazionali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento