rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Il caso / Russia

Le imprese europee che non hanno abbandonato la Russia

Diversi giganti dell'economia occidentale hanno scelto di restare nel Paese. Appellandosi anche a ragioni umanitarie

È ormai passato più di un mese dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina. La comunità internazionale ha cercato di soffocare le finanze del governo di Vladimir Putin, sanzionando gli oligarchi e frenando l'attività economica. E un ruolo importante lo hanno svolto le multinazionali occidentali che hanno tagliato o minacciato di tagliare i legami con Mosca.

Tra queste, c'è chi ha bloccato gli investimenti o chi ha fermato le proprie attività sul suolo russo. Ma un numero cospicuo di imprese ha deciso di continuare come nulla fosse accaduto. Per il momento, secondo un conteggio della Yale University sono più di 400 le aziende occidentali ad aver abbandonato il Paese ma nonostante le forti pressioni internazionali alcune grandi società europee e americane stanno ancora operando in Russia.

È il caso, per esempio, di Renault, Auchan e Leroy Merlin che la scorsa settimana sono state prese di mira dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky che davanti al Parlamento francese le ha definite degli “sponsor della macchina da guerra della Russia" in Ucraina. Dopo il suo intervento e dopo le pressioni dell’Eliseo, Renault ha effettuato una rapida inversione di marcia, e ha deciso di fermare le operazioni nel suo stabilimento di Mosca a tempo indeterminato mentre il gruppo Afm, che in Russia possiede circa 400 negozi e che impiega decine di migliaia di persone sotto i marchi Leroy Merlin, Decathlon e Auchan, ha deciso di restare.

In alcuni casi, spiega Politico, le aziende sostengono di dover rimanere perché andarsene causerebbe ingenti danni a persone innocenti. Questa è una considerazione legittima, secondo Phil Bloomer, che dirige la ong Business and Human Rights Resource Centre. "Le imprese dovrebbero evitare di arrecare un danno sostanziale, come la fame, alla popolazione russa", ha detto.  Ma affermare di preoccuparsi non deve diventare una scusa per continuare a fare soldi, afferma Antoine Madelin, della Federazione internazionale per i diritti umani. "A questo punto, non è sufficiente affermare che si rimane per proteggere i propri dipendenti o le popolazioni locali", ha detto Madelin. Per esempio, aziende come McDonald's, Starbucks o Coca-Cola che hanno sospeso le loro operazioni in Russia hanno deciso di continuare a pagare i salari.

Alcune aziende agroalimentari occidentali stanno usando questo argomento per rimanere aperte in Russia, per ora. La compagnia agro-chimica tedesca BASF ha detto che avrebbe ripreso le consegne di beni "necessari per evitare la carestia". Questi includono semi, pesticidi e fertilizzanti. Anche il gigante chimico tedesco Bayer ha detto che sta mantenendo affari vitali in Russia e Bielorussia. Non tratterrà "prodotti essenziali per la salute e l'agricoltura dalle popolazioni civili", perché questo "moltiplicherebbe solo il pedaggio della guerra in corso sulla vita umana". Tra i giganti del settore rimasti a fare da baluardo in Russia c'è anche l'italiana Barilla.

Man mano che il conflitto avanza, diventa sempre più difficile per le aziende fare progetti a lungo termine. Per esempio, il settore petrolifero dell'Ue è ancora largamente esente da sanzioni, ma questo mercato potrebbe facilmente trovarsi esposto alle accuse di alimentare la guerra di Putin. La Russia è stata avvertita che potrebbe essere perseguita per presunti crimini di guerra in Ucraina, e il rischio legale di complicità si estende potenzialmente anche alle imprese. Poi, ci sono le considerazioni puramente pratiche. Un problema concreto è come le aziende possono finanziare le loro operazioni russe, ora che il sistema finanziario del paese è quasi disaccoppiato dall'Occidente.

Le imprese straniere hanno bisogno dell'autorizzazione della Russia per trasferire beni all'estero. Anche la logistica dei trasporti è sempre più complicata, con il trasporto aereo di merci fortemente ridotto e i discorsi sulla chiusura dei porti europei alle navi russe. Il sistema giuridico russo è ora visto anche come impilato contro le imprese e gli investitori stranieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le imprese europee che non hanno abbandonato la Russia

Today è in caricamento