rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
La decisione / Germania

Dopo l'Ema l'Italia perde anche l'autorità europea anti riciclaggio

Per la sede dell'Amla è stata scelta Francoforte, la città tedesca in cui si trova anche la Bce. Con i suoi 400 dipendenti avrà lo scopo di reprimere la circolazione di denaro sporco nel blocco

La nuova Autorità antiriciclaggio dell'Unione europea (Amla) avrà sede a Francoforte, in Germania. L'Italia, che pure aveva candidato Roma come possibile sede, perde quindi un'altra opportunità di ospitare un'importante agenzia europea, dopo che nel 2017 Amsterdam fu preferita a Milano come nuova sede dell'agenzia del farmaco Ema (che doveva traslocare da Londra a causa della Brexit). "Francoforte verrà ulteriormente rafforzata come centro finanziario centrale in Europa", ha esultato su X il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

Oltre Francoforte e Roma, le altre città in corsa erano Madrid, che sembrava essere la favorita inizialmente, poi Vilnius, Riga, Parigi, Bruxelles Vienna e Dublino. Nella votazione congiunta tra Consiglio e Parlamento Ue la città tedesca sarebbe passata alla primo turno con 28 voti su 54 in totale (27 voti per gli Stati e altrettanti per i deputati). "L'Amla cambierà le carte in tavola nella repressione del denaro sporco nell'Ue", hanno dichiarato i co-relatori per il Parlamento europeo, Emil Radev ed Eva Maria Poptchevas in una nota.

"Supervisionerà le entità finanziarie più rischiose, sorveglierà il settore non finanziario e svolgerà un ruolo cruciale nell'impedire agli evasori di eludere le sanzioni finanziarie mirate", ha spiegato la commissaria europea per i Servizi finanziari Mairead McGuinness sottolineando che, in base a una recente riforma, nuove categorie di aziende saranno coperte dalle regole comuni, come le squadre di calcio. "Stiamo attenuando i rischi legati a grandi somme di denaro entro il limite europeo di 10mila euro per i pagamenti in contanti. Allo stesso tempo, stiamo affrontando i rischi posti dalle criptovalute e dall'anonimato che esse consentono", ha aggiunto.

La scelta di Francoforte ha segnato la prima volta che la città che ospita una nuova agenzia dell'Ue è stata concordata tra il Parlamento europeo e il Consiglio su un piano di parità. L'Amla avrà più di 400 dipendenti e inizierà ad operare a metà del 2025. In precedenza, in mancanza di un'autorità paneuropea per il controllo del denaro sporco, Bruxelles si affidava alle autorità di regolamentazione nazionali per far rispettare le sue regole, ma non sempre gli Stati membri collaboravano pienamente.

Continua a leggere su Europa.Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo l'Ema l'Italia perde anche l'autorità europea anti riciclaggio

Today è in caricamento