Ryanair ai piloti britannici: "Andate in congedo o a lavorare in Romania"

La compagnia afferma che a causa del ritardo delle consegne dei nuovi Boeing 737 deve ridurre temporaneamente il personale in diversi scali del Regno Unito

I piloti della Ryanair che sono di base nel Regno Unito sono stati messi davanti a una scelta piuttosto dura: andare in congedo non pagato per un anno o trasferirsi in un altro Paese europeo. Come racconta il Guardian, la compagnia aerea low cost, che ha avuto profitti per 1 miliardo di euro a maggio, ha affermato che c'è "un surplus significativo di piloti che deve essere ridotto" nelle basi britanniche, tra cui Stansted e Manchester, annunciando che ci sono posti vacanti invece nelle basi in Romania, Bulgaria e Marocco.

La mail

"Con il crollo di Thomas Cook e la perdita di 9mila posti di lavoro nel Regno Unito e potenzialmente altri 13mila in tutta Europa, speriamo che ci siano domande sufficienti per ferie non retribuite o per part-time, e che quindi non dovremo ricorrere a riduzioni di posti di lavoro alla tua base questo inverno", recita una mail inviata ai piloti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Boeing

La compagnia ha detto che la decisione è stata causata dal ritardo nelle consegne dei 135 Boeing 737 Max ordinati ma non ancora ricevuti, in quanto questi modelli sono al momento bloccati e la loro sicurezza in fase di studio essendo stato l'aeroplano il protagonista di due incidenti, uno avvenuto in Indonesia e un altro in Etiopia e che sono costati la vita a 346 persone. L'avvertimento è arrivato una settimana dopo dopo che i piloti britannici hanno annullato il resto di una serie di scioperi che erano stati indetti questo mese, con i quali i dipendenti chiedevano degli aumenti salariali e un miglioramento delle condizioni di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria alza un muro con l'Italia: "Non apriremo confini, non ha il controllo del coronavirus"

  • Basta dumping fiscale, Bruxelles contro Olanda, Irlanda e altri 4 Paesi Ue

  • La "Vespa cinese" troppo simile a quella Piaggio, Ue blocca lo scooter di Pechino

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

  • I Paesi Ue litigano sui turisti: no regole comuni, sì ai corridoi bilaterali

Torna su
EuropaToday è in caricamento