Boeing 737 Max coinvolti in due incidenti, accuse a Ryanair: "Li vuole usare cambiandogli nome"

Il Guardian afferma che la compagnia avrebbe ribattezzato i modelli dei velivoli che in passato si sono schiantati in Indonesia ed Etiopia causando la morte di 346 persone

Quello del Boeing 737 Max è un nome che oramai viene tristemente associato alle stragi nei cieli, essendo l'aeroplano il protagonista di due incidenti, uno avvenuto in Indonesia e un altro in Etiopia e che sono costati la vita a 346 persone. Per questo la Ryanair avrebbe deciso di ribattezzarlo '737 8200'. Lo riporta il Guardian, anche se per ora non ci sono conferme da parte della società.

La foto

Il quotidiano britannico ha pubblicato la fotografia di un Boeing 737 Max nuovo di zecca destinato alla compagnia Low Cost irlandese che sarebbe stata scattata davanti agli hangar della Boeing. Nella foto si vede che la parola 'Max' è stata sostituita con il numero '8200' nella scritta stampata sotto i finestrini della cabina di pilotaggio.

Il blocco

Al momento il '737 Max' non può volare a livello globale mentre la Boeing cerca di convincere le autorità che i cambiamenti apportati al software del velivolo sono sufficienti a garantirne la sicurezza. Ma questo stop prolungato è destinato a far sentire il suo peso sulle attività delle compagnie che contavano proprio sul '737 Max' per rinnovare o espandere le proprie flotte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La riduzione delle attività

E fra queste c'è la stessa Ryanair che ha annunciato che chiuderà basi aeroportuali quest'inverno e nell'estate del 2020 a causa dei posticipi di consegna dell'aereo dovuti al fatto che l'aeromobile non è ancora stato certificato dalle autorità statunitensi ed europee. Di conseguenza, ora prevede di ricevere solo 30 di questi aerei entro il maggio 2020, rispetto ai 58 originariamente previsti. "Questa mancanza di consegne ci costringerà a ridurre la nostra attività su alcune basi e chiudere per l'estate del 2020, ma anche per l'inverno del 2019", si legge in una nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento