Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parlamento Ue: rendere il bilancio dell'Europa a prova di futuro

Il Parlamento sta lavorando al prossimo bilancio dell'UE a lungo termine. Il quadro finanziario pluriennale (QFP) post-2020 dovrebbe essere più ambizioso per finanziare priorità vecchie e nuove. Il Parlamento europeo voterà le proprie priorità durante la sessione plenaria di marzo a Strasburgo.

 

Il Parlamento sta studiando come riformare il bilancio a lungo termine dell'UE in modo da soddisfare le ambizioni dell'Unione europea negli anni a venire. Il quadro finanziario pluriennale, o QFP, consente all'UE di amministrare il proprio bilancio in diverse aree per un minimo di cinque anni. I deputati intendono potenziare alcuni programmi europei compresi Erasmus + e l'Iniziativa per l'occupazione giovanile. Il Parlamento vuole anche continuare a finanziare le principali politiche europee, fornendo supporto alle aree più povere e all'agricoltura sostenibile. Inoltre, intende finanziare nuove priorità. Siamo concordi e ci servono nuove priorità: ricerca, innovazione, digitalizzazione. Sono tutte molto importanti, ma non possiamo tralasciare quelle precedenti. L'UE, però, sta affrontando una sfida in termini di finanziamenti. L'uscita del Regno Unito avrà conseguenze significative sul prossimo bilancio perché avremo un buco di 14 miliardi di euro in meno a disposizione. Il QFP garantisce che la spesa rimanga entro i limiti concordati. I deputati, però, lo vogliono abbastanza flessibile da far fronte a nuove sfide, come eventuali aumenti improvvisi dei flussi migratori o minacce alla sicurezza.

Potrebbe Interessarti

Torna su
EuropaToday è in caricamento