rotate-mobile
Domenica, 3 Marzo 2024
Arte e diritti

Al Parlamento Ue esposto il Gesù 'arcobaleno': "Ama anche le persone Lgbt+"

All'Eurocamera di Bruxelles la mostra fotografica della provocatoria artista svedese Elisabeth Ohlson. Fratelli d'Italia: "Blasfemia, una pagina buia per l'Aula"

Inaugurata al Parlamento europeo una mostra fotografica di Elisabeth Ohlson, con un'esposizione dei più celebri scatti dell'artista svedese famosa per le sue immagini provocatorie. Tra gli scatti che saranno da oggi e fino a venerdì visibili in uno dei palazzi dell'Eurocamera di Bruxelles, il celebre Ecce Homo, in cui c'è Gesù attorniato da persone Lgbt+ in adorazione. L'opera fu esposta per la prima volta nel 1998 in una cattedrale di Stoccolma durante una mostra visitata da 12mila persone. Dopo l'esposizione alla cattedrale arrivarono minacce di morte e l'allora papa Giovanni Paolo II cancellò un incontro con l'arcivescovo locale come forma di protesta.

Alcuni giorni fa l'eurodeputata leghista, Maria Veronica Rossi, aveva protestato contro l'organizzazione della mostra sostenendo che "strumentalizzare una religione è una intollerabile mancanza di rispetto verso milioni di fedeli in tutta Europa". "L'esposizione di immagini blasfeme" della fotografa svedese "rappresenta una pagina buia nella storia recente del Parlamento europeo", ha dichiarato oggi il capodelegazione di Fratelli d'Italia a Bruxelles, Carlo Fidanza. "Ci sono migliaia di foto e dipinti di Gesù ritratto assieme a delle coppie eterosessuali, una foto di Gesù con delle persone Lgbt+ non dovrebbe fare così paura", ha detto oggi Ohlson rispondendo alle critiche.

Ai tempi di Ecce Homo nel 1998 "i miei amici omosessuali morivano di Aids e io sono rimasta sconvolta dalle parole di un prete che disse che la malattia era stata la loro punizione divina. Cosi ho realizzato questa foto famosa di Gesù, per trasformarla in un messaggio a favore dei diritti Lgbt+, per sottolineare che l'amore di Cristo esiste anche per loro", ha raccontato Ohlson. Nella mostra al Parlamento ci sono anche altri scatti molto provocatori dell'artista, come quello che rappresenta due donne velate che si baciano per strada, uno del giardino dell'Eden con delle coppie omosessuali (due uomini e due donne) al posto di Adamo ed Eva, e uno di un uomo di colore steso sul un letto in una posizione come se fosse crocifisso, mentre un altro uomo, bianco, dorme abbracciandolo.

"Le fotografie di Ohlson sono spesso ispirate dai quadri biblici barocchi ma contengono un messaggio legato all'attualità, collegato alla sua vita di fotoreporter. Prende sempre una chiara posizione a favore delle persone più discriminate della nostra società, siano esse Lgbt+, musulmane, rifugiate, senzatetto o disabili", ha detto l'eurodeputata della Sinistra unita Gue, Malin Bjoerk, che ha organizzato la mostra. L'arrivo dell'esibizione al Parlamento Ue è l'epilogo di una storia che dura da vent'anni. Nei primi anni duemila l'eurodeputata svedese Marianne Eriksson provò per la prima volta a portarla a Bruxelles, ma trovò il no secco della presidenza che la ritenne troppo offensiva. "Sono contenta che il Parlamento europeo abbia finalmente accettato la richiesta, dimostra che le nostre società si sono evolute nei passati 25 anni per quel che riguarda i diritti Lgbt", ha commentato all'inaugurazione Bjoerk.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Parlamento Ue esposto il Gesù 'arcobaleno': "Ama anche le persone Lgbt+"

Today è in caricamento