rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
La decisione / Spagna

La Spagna eliminerà i visti d'oro per chi investe nel Paese (soprattutto russi e cinesi)

Il premier Sanchez ha annunciato che lo schema per dare il permesso di soggiorno a chi compra immobili per un valore di almeno 500mila euro sarà eliminato: "La casa è un diritto non un'attività speculativa"

La Spagna eliminerà il controverso programma soprannominato dei "visti d'oro", un programma che concede il diritto di residenza agli stranieri che effettuano ingenti investimenti nel settore immobiliare iberico. L'abolizione del provvedimento contribuirebbe a rendere l'accesso agli alloggi a prezzi accessibili "un diritto anziché un affare speculativo", ha dichiarato il primo ministro Pedro Sanchez nell'annunciare la decisione.

Lo schema concede ai cittadini extracomunitari che investono in immobili della nazione almeno 500mila, di tasca propria e senza accendere un mutuo, un permesso speciale che consente loro di vivere e lavorare nel Paese per tre anni. Anche se i visti d'oro possono essere ottenuti attraverso varie forme di investimento, "oggi, 94 visti di questo tipo su 100 sono legati a investimenti immobiliari", e sono concessi "nelle principali città che si trovano ad affrontare un mercato altamente stressato e dove è quasi impossibile trovare alloggi decenti per coloro che già vivono, lavorano e pagano le tasse" nella nazione, ha denunciato Sanchez. Il fenomeno sarebbe concentrato nei centri turistici di Barcellona, Malaga, Alicante, Valencia, Madrid e Palma di Maiorca.

Dall'inizio del regime dei visti d'oro nel 2013 fino al novembre 2022, la Spagna ha rilasciato quasi 5mila permessi, secondo i dati del governo. Gli investitori cinesi sono in cima alla lista di coloro che ne hanno approfittato, seguiti dai russi che hanno investito più di 3,4 miliardi di euro, secondo un rapporto di Transparency International del 2023 che si chiede se le autorità abbiano indagato sull'origine dei fondi. Secondo i calcoli della Ong il Paese ha concesso 2.700 visti a cittadini cinesi e più di 1.100 a russi.

La decisione della Spagna fa seguito a quella del Portogallo e dell'Irlanda, che l'anno scorso hanno eliminato i visti d'oro legati al settore immobiliare. In tutti e tre i Paesi, i programmi sono stati introdotti per attrarre investimenti esteri e alimentare la ripresa dalle crisi finanziarie causate dal crollo dei mercati immobiliari. La Commissione europea ha criticato i visti d'oro, citando i rischi per la sicurezza e le preoccupazioni per la possibile corruzione, il riciclaggio di denaro e l'evasione fiscale. Nel 2022 ha invitato gli Stati membri ad affrontare questi rischi e a porre fine ai programmi di passaporto d'oro più controversi, in particolare a Malta e Cipro, che offrono non solo la residenza ma anche la cittadinanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Spagna eliminerà i visti d'oro per chi investe nel Paese (soprattutto russi e cinesi)

Today è in caricamento