rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Il voto anomalo / Francia

Sandro Gozi si salva dal crollo di Renzi e Calenda (grazie a Macron)

Sarà l'unico eurodeputato italiano nel gruppo dei liberali di Renew, ma è stato eletto in Francia con una lista associata al presidente francese

Nonostante la debacle elettorale, Italia Viva di Matteo Renzi avrà un deputato al Parlamento europeo. Si tratta dell'italiano Sandro Gozi che, come nel 2019, è stato candidato in Francia nella lista Besoin d'Europe affiliata al partito Renaissance del presidente francese Emmanuel Macron. Il risultato arriva in virtù dei 13 seggi conquistati dalla lista che ha ottenuto il 14,6% dei voti. E così nonostante il terremoto politico in Francia, Gozi riesce a tornare a Strasburgo, salvandosi dalla totale debacle in cui sono sprofondati i due partiti italiani di stampo liberale che pensavano di aderire a Renew, Azioni di Carlo Calenda e Stati Uniti d'Europa di Renzi ed Emma Bonino.   

La traiettoria di Gozi inizia nel Partito democratico, per poi rivestire il ruolo di segretario generale del Partito democratico europeo, poi di sottosegretario agli Affari europei dei governi Renzi e Gentiloni. In queste elezioni era stato selezionato come uno dei tre Spitzenkandidat di Renew Europe. Già nella scorsa legislatura era stato eletto a Strasburgo con la lista Renaissance del presidente Macron.

Prima delle Europee a EuropaToday aveva spiegato di ritenere indispensabile modificare l'attuale legge elettorale europea per andare verso un sistema pienamente transnazionale. A suo avviso bisognerebbe superare l'attuale impostazione, che consiste in ventisette competizioni nazionali, prevedendo invece un'unica circoscrizione elettorale che copra l'intero territorio dell'Unione, in cui tutti i cittadini europei votano su schede identiche per i medesimi candidati, scelti non più dai partiti nazionali ma dai partiti europei. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sandro Gozi si salva dal crollo di Renzi e Calenda (grazie a Macron)

Today è in caricamento