Sabato, 13 Luglio 2024
La tela di Viktor / Ungheria

La visita a sorpresa di Orban a Kiev: "Serve un cessate il fuoco per avvicinare la pace"

Il leader ungherese in Ucraina per la prima volta dall'inizio della guerra: lo stop al conflitto e la minoranza magiara in agenda. Ma la mossa guarda soprattutto ai giochi di potere a Bruxelles e al "supergruppo" delle destre Ue

Dopo appena 24 ore dall'aver preso i comandi del Consiglio dell'Unione europea, Viktor Orban ha deciso di compiere un viaggio inaspettato a Kiev per incontrare Volodymyr Zelensky. Il primo ministro ungherese ha esortato il presidente ucraino a prendere in considerazione un cessate il fuoco sostenendo che questo accelererebbe la fine della guerra con la Russia di Vladimir Putin.  "Ho chiesto al presidente di pensare se non si possa invertire l'ordine e accelerare i colloqui di pace facendo prima un cessate il fuoco", ha detto Orban al termine dei colloqui.

Il leader magiaro, che è da sempre contrario agli aiuti militari occidentali all'Ucraina e che ha le relazioni più calde di qualsiasi altro leader dell'Ue con Putin, ha sostenuto che "un cessate il fuoco collegato a una scadenza darebbe la possibilità di accelerare i colloqui di pace". "Ho esplorato questa possibilità con il Presidente e gli sono grato per le sue risposte oneste e per la sua capacità di negoziazione", ha detto durante delle brevi dichiarazioni congiunte rilasciate ai giornalisti dopo i colloqui in quello che è stato il suo primo viaggio a Kiev in più di un decennio. Zelenskiy, che aveva parlato prima di Orban, non ha risposto a questi commenti o fatto accenno alla possibilità.

I rapporti con Zelensky

Come è noto, Orban è considerato il principale alleato della Russia di Putin all'interno dell'Ue e della Nato. Il premier di Budapest, del resto, non ha fatto nulla per nascondere la sua vicinanza al Cremlino: da quando è scoppiata la guerra, il suo governo si è sistematicamente opposto alle sanzioni contro Mosca, oltre ad aver bloccato per mesi gli aiuti finanziari e militari di Bruxelles per l'Ucraina. E se quella di oggi (martedì 2 luglio) è stata la prima visita di Orban a Kiev dall'inizio del conflitto, il leader ungherese è stato il primo ad aver incontrato Putin da quando c'è la guerra.

I rapporti tra Orban e Zelensky sono stati finora gelidi, se non conflittuali. Dopo essere stato rieletto nell'aprile 2022, il premier magiaro aveva persino accusato Zelensky di aver fatto campagna contro di lui, tanto da definirlo un avversario. Qualcosa però sembra cambiato sull'asse Budapest-Kiev negli ultimi tempi. Nel corso dell'ultimo summit Ue, i due leader sono stati visti parlare a lungo durante le fasi antecedenti al meeting. L'Ucraina si è impegnata con Bruxelles a garantire maggiore protezione legale delle minoranze all'interno dei suoi confini, compresi i 100mila ucraini di lingua ungherese. Una situazione, quella della minoranza magiara, su cui Orban aveva chiesto più volte garanzie.

La svolta

È ancora presto per parlare di una svolta da parte di Budapest sulla questione ucraina. Ma per Orban migliorare i rapporti con Kiev potrebbe essere funzionale a consolidare i rapporti con un pezzo importante della destra europa, quella dei conservatori dell'Ecr guidati da Giorgia Meloni. Per mesi, si era parlato di un possibile approdo di Orban tra le fila dell'Ecr al Parlamento Ue. Ma il co-presidente dei conservatori, l'eurodeputato Nicola Procaccini, ha sottolineato che chiunque voglia far parte del gruppo deve firmare una dichiarazione chiara di impegno a sostegno dell'Ucraina.

Chiusa la porta dell'Ecr, domenica scorsa, Orban ha annunciato la nascita di una nuova alleanza, che per il momento vede i cechi di Ano (ex membri dei liberali) e gli austriaci dell'Fpo (fuoriusciti dal gruppo sovranista Id, quello di Marine Le Pen e della Lega). Le sirene del premier ungherese sembrano attrarre soprattutto forze considerate più vicine a Mosca che a Kiev, ma Orban vuole puntare anche a pezzi attualmente nell'Ecr, come i polacchi filoucraini del PiS. L'idea è di creare un "supergruppo" della destra che, sulla scia di un eventuale governo francese a guida sovranista, possa avere più voce nelle stanze del potere di Bruxelles e Strasburgo.

Per riuscire in questa impresa, Orban sembra orientato a moderare i suoi toni antieuropei. La presidenza Ue di turno dell'Ungheria arriva proprio in un buon momento: non è un caso se i diplomatici di Budapest ripetono da giorni che il loro governo, a dispetto delle attese, si comporterà nei prossimi mesi da "onesto mediatore" senza bloccare il lavoro legislativo dell'Unione. Comprese, sperano a Kiev, le misure contro Mosca e quelle a sostegno dell'Ucraina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La visita a sorpresa di Orban a Kiev: "Serve un cessate il fuoco per avvicinare la pace"
Today è in caricamento