agricoltura sociale

  • "Prima consegne a domicilio, ora nei nostri uliveti lavorano ragazzi down e autistici. Così abbiamo sfidato la crisi"