rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Le richieste / Francia

Manifestazioni e scioperi, in Francia protesta anche la polizia: cosa c'entrano le Olimpiadi

In una lettera del 22 dicembre il ministero dell'Interno esprimeva la necessità di una "mobilitazione al 100%" in vista dei Giochi. Gli agenti chiedono di essere "compensati" per gli sforzi richiesti

La polizia francese si mobilita in un "giovedì nero" già annunciato. Per le forze dell'ordine non è previsto un effettivo diritto di sciopero, perciò l'iniziativa dei due principali sindacati del settore, Alliance e Unsa Police, è quella di rispondere alle chiamate o alle richieste d'emergenza, ma astenersi dal lavoro per tutti i restanti compiti.

Già la scorsa settimana, due autobus a due piani con a bordo numerosi rappresentanti dei lavoratori hanno sfilato per le vie di Parigi in quella che è stata definita la "cerimonia di apertura della protesta". 

Al centro della protesta l'impegno che gli agenti dovranno compiere in vista delle prossime Olimpiadi di Parigi: in una lettera del 22 dicembre riportata da Libération, il ministero dell'Interno esprimeva la necessità di una "mobilitazione al 100%" della forza lavoro.

Gli agenti vogliono bonus e garanzie in vista dei Giochi olimpici

Nel periodo tra il 24 luglio e tra il 24 luglio e l'11 agosto - il periodo della "mobilitazione" totale delle forze dell'ordine - gli agenti non potrabbo chiedere ferie. A parte questo periodo, ogni lavoratore potrà prendere, tra il 15 giugno e il 15 settembre, due settimane di ferie. "I congedi che non hanno potuto essere presi a causa di esigenze operative potrebbero essere posticipati al 2025", afferma la lettera.

Per il sindacato, "ci viene chiesto di fare uno sforzo, quindi dobbiamo essere compensati". Tra le richieste c'è quello di un bonus economico che è già in fase di trattativa con il ministero, ma i sindacati chiedono importi maggiori.

C'è poi a questione degli spostamenti del personale. Durante le tre settimane delle Olimpiadi, infatti, la maggioranza delle forze dell'ordine dovrebbero essere dispiegate nell'Ile-de-France, dove si concentra la maggior parte degli eventi. "A sei mesi dall'inizio, non sappiamo ancora come saremo nominati o se sarà uno spostamento volontario", afferma Thierry Clair, vice segretario generale dell'Unsa.

I lavoratori sono anche preoccupati per l'affidamento dei figli, soprattutto nel caso di coppie in cui entrambi i genitori sono agenti di polizia. Nella lettera, il ministero afferma che sta esaminando "l'accesso alle strutture di assistenza all'infanzia o ai soggiorni per bambini". I sindacati chiedono con forza che vengano resi disponibili anche aiuti sotto forma di buoni validi per pagare l'assistenza all'infanzia che si renderebbe necessaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifestazioni e scioperi, in Francia protesta anche la polizia: cosa c'entrano le Olimpiadi

Today è in caricamento