rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Next newsletter

Le previsioni economiche di primavera e l'Unione della sicurezza

La Commissione farà il punto sullo stato di salute delle economie dei Paesi membri, l'ultimo prima delle elezioni europee. A Bruxelles si riuniscono i generali della Nato

Next, la newsletter di Europa Today che ogni domenica mattina vi racconta cosa succederà nella settimana europea a venire, a cura Alfonso Bianchi e Francesco Bortoletto (per commenti, suggerimenti o critiche scrivete ad alfonso.bianchi@citynews.it).

In cima all'agenda

Le ultime previsioni economiche – Mercoledì 15 maggio Paolo Gentiloni presenterà le ultime previsioni economiche dell'attuale Commissione europea. La speranza è che arrivino buone notizie, dopo che la zona euro è uscita dalla recessione grazie a una crescita molto più rapida del previsto delle sue quattro principali economie. Il prodotto interno lordo del primo trimestre è aumentato dello 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti, il ritmo più sostenuto da un anno e mezzo a questa parte.

In attesa del "boost" della Bce - Le prospettive sembrano positive dopo che l'inflazione elevata, l'aumento dei tassi di interesse e la debolezza della domanda globale hanno fatto crollare la produzione. Ad aiutare la ripresa è stata la Germania, che sta uscendo dalla fase di difficoltà, con crescita negativa, grazie al suo settore industriale. Tutti gli occhi restano puntati sulla Banca Centrale Europea che dovrebbe finalmente abbassare i tassi a giugno, fornendo a breve un'iniezione di fiducia all'economia.

Unione della sicurezza – Se mpre mercoledì 15 maggio il commissario allo Stile di vita europeo, Margaritis Schinas, presenterà il rapporto sull'Unione della sicurezza, il piano dell'esecutivo comunitario per migliorare quella che potremmo definire "l'infrastruttura della sicurezza" e che si impernia su quattro priorità: contrasto al terrorismo e al crimine organizzato, difesa da minacce digitali e cyberattacchi, condivisione delle informazioni sensibili a livello europeo e aggiornamento delle tecniche delle forze dell'ordine per combattere la criminalità in rete e le minacce ibride. 

Altri temi caldi

Mercati finanziari – Sarà un Ecofin piuttosto denso quello in calendario per martedì 14 maggio. A occupare i ministri di Economia e finanze degli Stati membri ci saranno diversi temi, a partire dagli interventi per completare quell'Unione dei mercati dei capitali (Cmu dall'acronimo inglese) di cui si è molto parlato all'ultimo Consiglio europeo e su cui si discute da almeno un decennio. Si tratta, in estrema sintesi, di realizzare le piene potenzialità del mercato unico affiancando all'Unione economica e monetaria (Uem) gestita dalla Bce anche un'unione dei mercati finanziari dei Ventisette. Una delle idee sul tavolo, proposta dalla Commissione l'anno scorso e approvata da Strasburgo a febbraio, è la riforma delle norme che regolano l'imposizione fiscale sugli investimenti transfrontalieri da uno Stato membro all'altro. 

Iva, Pnrr e Paesi terzi – All’Ecofin si tenterà anche di trovare l'intesa sul pacchetto legislativo relativo all'Iva nell'era digitale con il triplice obiettivo di contrastare le frodi, sostenere le imprese e promuovere la digitalizzazione nelle economie europee. Dovrebbero anche venire approvate le modifiche ai Pnrr di alcuni Paesi membri, e si parlerà del cosiddetto Strumento per l'Ucraina di cui si è occupato il Consiglio Affari esteri la scorsa settimana (il fondo da 50 miliardi approvato dai leader Ue lo scorso febbraio). Inoltre, a margine del meeting si terrà un dialogo economico e finanziario dell'Ue con i partner dei Balcani occidentali, la Georgia, la Moldova, la Turchia e l'Ucraina (come osservatore). 

Dessert finanziario – Infine, i ministri dell'Economia discuteranno delle sfide legate alla sostenibilità dei bilanci pubblici in un contesto di invecchiamento della popolazione, nonché della necessità di migliorare l'alfabetizzazione finanziaria dei cittadini europei per aiutarli a compiere scelte finanziarie informate e a investire nei mercati finanziari europei (sempre per concorrere alla realizzazione della Cmu di cui sopra). Tra i punti vari ed eventuali all'ordine del giorno, anche il programma di lavoro per il biennio 2024-2025 dei ministri delle Finanze nel quadro della coalizione internazionale per il clima. 

Patto su migranti – Martedì 14 maggio ci dovrebbe essere il via libera definitivo del nuovo Patto sui migranti, con l'approvazione formale del Consiglio Ue, ultimo passaggio richiesto prima della sua pubblicazione in Gazzetta e conseguente entrata in vigore.

Riunione dei generali Nato - La massima autorità militare della Nato, il Comitato militare, si riunirà giovedì 16 maggio, a livello di Capi di Stato Maggiore. L'ammiraglio Rob Bauer, presidente del Comitato militare, presiederà la riunione alla quale parteciperà anche il Capo della Difesa ucraino, Oleksandr Stanislavovyč Syrsky.

Presidenziali in Lituania – Oggi, domenica 12 maggio, due importanti appuntamenti elettorali. In Lituania si tiene il primo turno delle presidenziali, e il dibattito pubblico è principalmente concentrato sulle questioni relative alla sicurezza, mentre sale a Vilnius il timore di essere il prossimo Paese nel mirino di Mosca dopo l'Ucraina. I sondaggi danno in vantaggio il presidente uscente Gitanas Nauseda, ma è probabile che si debba comunque andare al ballottaggio (difficile raccolga più del 50% dei voti, necessari per vincere al primo turno). 

Regionali in Catalogna – A latitudini più mediterranee, la Generalitat della Catalogna elegge il proprio parlamento regionale. È un voto cruciale per la tenuta dell'esecutivo nazionale di Pedro Sánchez, che si regge proprio sull'appoggio degli indipendentisti catalani. Né gli indipendentisti della sinistra repubblicana (Erc) del presidente uscente Pere Aragonès né quelli conservatori di Junts por Catalunya (JxCat) di Carles Puigdemont sembrano in grado di ottenere la vittoria, che i sondaggi danno invece in mano ai socialisti, il che potrebbe fare da volano per il successo del Psoe di Sánchez alle europee.

Consiglio Ue

Eurogruppo – Domani, lunedì 13 maggio, si riunisce a Bruxelles l'Eurogruppo, che raggruppa i ministri dell'Economia e delle finanze dei 20 Paesi Ue che adottano la moneta unica. Si parlerà principalmente degli sviluppi macroeconomici e della situazione di bilancio in Ue, cui si aggiungerà una discussione relativa all'Unione bancaria, tutto in preparazione dell'Ecofin di martedì. 

Competitività e capitali (ancora) – In formato inclusivo, cioè quella versione dell'Eurogruppo aperta anche ai ministri degli Stati membri che non usano l'euro, verranno poi toccati i temi fondamentali della competitività e della Cmu, due argomenti che sono prepotentemente tornati al centro del dibattito negli ultimi mesi, anche grazie al lavoro di due ex-premier italiani, Enrico Letta e Mario Draghi, i quali hanno compilato altrettante relazioni – rispettivamente sul futuro del mercato unico, inclusa la Cmu, e sulla competitività europea nei confronti di Cina e Stati Uniti. 

Giovani, cultura e sport – Lunedì 13 e martedì 14 maggio i ministri dell'Istruzione, della gioventù, della cultura e dello sport dei Ventisette si danno appuntamento nella capitale belga per discutere di come rendere le nostre società più inclusive per le giovani generazioni (con focus speciale sui minori), tirando le somme sulle iniziative passate tra cui l'anno europeo dei giovani del 2022. Tra i temi sul tavolo mobilità studentesca, intelligenza artificiale nell'istruzione, influencer e media europei, nonché lo sviluppo dei settori culturale e creativo e un piano di lavoro dell'Ue per lo sport.

Commissione

Italia in Europa… – Martedì 14 maggio la vicepresidente del Collegio e commissaria alla Concorrenza, la liberale danese Margrethe Vestager, incontrerà il ministro italiano dell'Economia e delle finanze, il leghista Giancarlo Giorgetti, che sarà a Bruxelles per partecipare all'Eurogruppo di domani e all'Ecofin del giorno successivo. SI discuterà sicuramente anche della fusione tra Lufthansa e Ita.

…Europa in Italia – Lo stesso giorno, il commissario all'Economia Paolo Gentiloni parteciperà al dialogo economico e finanziario con i Paesi balcanici, Turchia, Georgia, Moldova e Ucraina cui accennavamo prima, al margine del quale incontrerà il ministro del Tesoro turco Mehmet Simsek. Interverrà inoltre (da remoto) alla conferenza "Europa Digitale Coop: Idee cooperative per l'Europa digitale" organizzata a Roma da una rete di associazioni nostrane e volta a promuovere le opportunità offerte dalla trasformazione digitale per le cooperative e le imprese italiane.

Unione della salute – Mercoledì 15 maggio il commissario allo Stile di vita europeo, Margaritis Schinas, farà il punto sullo stato dell'arte dell'Unione della salute, il progetto con cui la Commissione mira ad armonizzare le pratiche sanitarie tra gli Stati membri (soprattutto in termini di gestione delle crisi, una necessità resa evidente dalla pandemia) nella prospettiva di accentrare su Bruxelles una porzione maggiore di competenze in questo ambito, e del quale il cosiddetto spazio europeo dei dati sanitari (un sistema elettronico attraverso il quale gli Stati membri potranno condividere le cartelle cliniche dei pazienti e altri dati rilevanti) è un pilastro centrale.

Altri eventi

Scholz e i Paesi nordici - Lunedì 13 e martedì 14 maggio il primo ministro svedese, Ulf Kristersson ospiterà a Stoccolma i capi di governo dei Paesi nordici (che oltre alla Svezia sono Danimarca, Norvegia, Finlandia e Islanda) e all'incontro parteciperà anche il cancelliere federale tedesco Olaf Scholz.

Vertice sulla democrazia - Martedì 14 maggio si terrà il Vertice sulla democrazia di Copenaghen, organizzato dal think tank Alliance of Democracies Foundation, diretto dall'ex Segretario Generale della Nato Anders Fogh Rasmussen. Tra gli oratori il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, quella della Commissione, Ursula von der Leyen, e la premier danese Mette Frederiksen.

La Nakba palestinese – Il 15 maggio ricorre il 76esimo anniversario della Nakba, la "Catastrofe" in arabo, quando 700mila palestinesi furono espropriati delle proprie case dopo la creazione di Israele nel 1948. La maggior parte furono cacciati o fuggirono negli Stati arabi confinanti, tra cui Giordania, Siria e Libano, e lì in gran parte continuano a vivere, con i propri discendenti, in campi profughi.

75 anni di Consiglio d'Europa – Giovedì 16 maggio il Consiglio d'Europa compie 75 anni. A Strasburgo, sede dell'istituzione, si terrà una cerimonia per l'anniversario della nascita di questa organizzazione internazionale il cui scopo è promuovere la democrazia e i diritti umani (che, ricordiamo, non è una istituzione Ue). Venerdì 17 maggio ci sarà poi la sessione annuale dei ministri degli Affari esteri dei 46 Paesi membri del Consiglio d'Europa.

Milei da Vox - Sabato 18 maggio in Spagna si riunisce il congresso del partito della destra radicale Vox, alleato in Europa con Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni. Ospite d'onore il presidente argentino Javier Milei.

Sandu in Germania – La presidente della Moldavia, Maia Sandu, sarà in visita in Germania venerdì 17 maggio dove incontrerà il cancelliere Olaf Scholz.

Cinque articoli della settimana appena conclusa

Cosa resta del limite del doppio mandato, caposaldo del Movimento 5 Stelle
La capodelegazione del M5s in Europa, Tiziana Beghin, non si ricandiderà in ottemperanza alla regola imposta agli iscritti: "È una questione di rispetto. Ma resterò attiva nel movimento, anche per aiutare chi sarà chiamato a sostituirmi". Tanti suoi colleghi hanno preso altre strade

Anche i soldi del Mes per le armi, ma l'idea sembra destinata a fallire
L'ipotesi, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe allo studio a Bruxelles. Ma una riforma del Meccanismo europeo di stabilità sarebbe complicatissima da attuare e quella attuale è ancora bloccata per il no dell'Italia

Dopo la Brexit, l'addio all'Ue è sparito dai programmi elettorali dei partiti europei
La propaganda euroscettica ha conosciuto il suo apice dieci anni fa, ma ora si è ampiamente sgonfiata. Oggi le destre del Vecchio continente hanno scelto nuove battaglie

La Festa dell'Europa "nelle terre dei coraggiosi" ai confini con la Russia
La presidente della commissione von der Leyen in Lituania, un tempo parte dell'Unione sovietica, quella del Parlamento Metsola in Ucraina, la "terra degli uomini coraggiosi"

La Macedonia del Nord vira a destra (e si allontana dall'Ue)
Eletta la prima presidente donna della storia, Gordana Siljanovska Davkova, e la maggioranza del parlamento va ai sovranisti, che potrebbero riaccendere le tensioni con Grecia e Bulgaria, complicando il percorso di adesione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le previsioni economiche di primavera e l'Unione della sicurezza

Today è in caricamento