Giovedì, 24 Giugno 2021
Network

“Il limite a 30 km/h funziona”: meno incidenti e feriti sulle strade di Bruxelles

Cala il numero di sinistri rispetto al trimestre precedente, quando le auto potevano ancora circolare fino a 50 km orari. Gli autovelox registrano una diminuzione della velocità media, alla quale però corrisponderebbe anche una riduzione dei tempi di viaggio

Secondo una valutazione iniziale del Governo regionale di Bruxelles, il limite di velocità di 30 km/h applicato nelle strade della capitale belga da pochi mesi ha portato a un forte calo del numero di incidenti. Dal 1 gennaio 2021 il limite di velocità ridotto si applica alla stragrande maggioranza delle strade dell’area vasta brussellese. Alcune arterie principali della viabilità cittadina hanno però mantenuto il limite di 50 km/h.

I dati: meno incidenti e meno feriti

A sbandierare i risultati del nuovo limite è stata la ministra regionale alla Mobilità, Elke Van Den Brandt, che ha snocciolato gli ultimi dati: nel primo trimestre del 2021, Bruxelles ha registrato 635 incidenti stradali a fronte degli 814 nello stesso periodo dell'anno scorso. Trenta persone sono rimaste gravemente ferite in sinistri stradali - ha aggiunto la ministra riferendosi ai primi tre mesi dell’anno - due delle quali sono decedute in seguito agli incidenti. Anche questo è un dato in diminuzione, considerato che la media trimestrale negli ultimi cinque anni è stata di 44 infortuni gravi, ricorda la testata The Bulletin.

Il fattore Covid

Per ammissione dello stesso Governo regionale, parte della riduzione degli incidenti verificatisi fino a marzo 2021 potrebbe trovare spiegazione nel cambiamento forzato degli stili di vita determinati dal coronavirus, come il minor numero di persone che si reca a lavoro in presenza. Ma il dato sugli incidenti stradali risulta in calo anche rispetto a un periodo relativamente simile, l'ultimo trimestre del 2020, quando si sono verificati 708 incidenti.

L'ottimismo dell'amministrazione

“È ancora troppo presto per conclusioni definitive”, ha detto Van Den Brandt. Tuttavia, “sappiamo dall'esperienza delle città straniere che ci hanno preceduto che l'evoluzione continuerà nel tempo”, ha aggiunto con fiducia. L’aggiornamento sui dati “dimostra già che la zona a 30 km/h è un passo importante verso una città più sicura e più accogliente, con meno morti e feriti sulla strada”.

Cala la velocità ma anche il tempo di viaggio

I tratti di strada dotati di autovelox hanno infine registrato cali generali della velocità media dei veicoli in circolazione per le vie di Bruxelles compresi tra il 7% e il 19%. “Questa riduzione della velocità media - ha concluso Van Den Brandt - non ha alcun impatto sui tempi di viaggio”, che stando ai dati in possesso della ministra “sono identici, o anche leggermente inferiori” a quelli registrati col limite a 50 km/h.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il limite a 30 km/h funziona”: meno incidenti e feriti sulle strade di Bruxelles

Today è in caricamento